I Beni Comuni? Li spiega il bovinese Chiappinelli. Crowdfunding per il manuale ispirato a Stefano Rodotà

Mercoledì 31 Marzo 2021
Cosa sono i Beni Comuni? Oggi la domanda √® diventata pi√Ļ frequente e oltre agli esempi basi di acqua e natura, molte sono le risposte che riempiono il ventaglio di prospettive aperto da questo quesito.
Nell'ampienza del termine i beni comuni sono "cose che esprimono utilit√† funzionali all'esercizio dei diritti fondamentali nonch√© al libero sviluppo della persona", come li defin√¨ Stefano Rodot√† all'ex Ministro della Giustizia Clemente Mastella  durante una commissione istituita per presentare una riforma che mirava adintrodurre una disciplina organica dei beni comuni. Sebbene le dinamiche successive della riforma siano controverse e il termine stesso abbia perso significato (almeno a livello giuridico, secondo Rocco Alessio Albanese), del concetto di "beni comuni" si dibatte ancora, forse oggi con maggiore consapevolezza.
A proporre quello che ha definito "un manuale" per i beni comuni è Gennaro Chiappinelli, nato a Brindisi nel 1995 ma cresciuto a Bovino. Dopo aver conseguito la maturità classica, ha studiato Giurisprudenza presso l'Università "La Sapienza" di Roma laureandosi con una tesi di diritto pubblico comparato sui Beni Comuni.
Chiappinelli ha collaborato con il mensile di cronaca locale "Elce" e con l'associazione culturale "Colpo in Canna". Attualmente svolge la pratica forense e collabora con la rivista di sport e cultura "Contrasti".

"Questo libro", spiega Chiappinelli a l'Attacco, "nasce perché ho approfondito il tema dei Beni Comuni, è stato il mio argomento di tesi all'università, ma con il tempo mi sono reso che il concetto di Beni Comuni, oltre a poter servire in altri settori che non riguardano solo quello giuridico, poteva essere interessante scrivere un libro che facesse da manuale degli stessi. Lo intendo tale in quanto consente a chiunque abbia sentito parlare di Beni Comuni di poter approfondire il tema e tramite la lettura capire come declinarlo in tutta quella serie di accezioni. Sui Beni Comuni c'è una riflessione importante da fare, perché in Italia il tema è stato reso pubblico da Stefano Rodotà, che ne ha molto parlato. La discussione è avanzata sul tema, ci sono un paio di posizioni divergenti, ma la centralità dei Beni Comuni viene riconosciuta. Ci sono infatti anche proposte di legge. Il tema è importante e penso potrà essere fondamentale per i prossimi anni, in quanto investe un tema fondamentale quale la proprietà, in particolare privata e pubblica. L'abbiamo visto anche con la crisi pandemica, anche se il libro l'avevo immaginato prima. Ci sono dei punti di confronto importanti, in quanto dire che la salute è un bene pubblico
ha conseguenze importanti. La definizione generica di bene pubblico è che si tratti di beni che sono necessari alla vita e allo sviluppo dell'essere umano. Quindi il bene salute è necessario alla vita, ma se lo si considera come bene comune allora bisogna garantirne l'accesso e la fruibilità. C'è bisogno di un sistema sanitario che sia in grado di rispondere alle esigenze della popolazione, senza distinzioni. In Italia abbiamo un sistema sanitario pubblico, ma se questo discorso viene fatto per altri Paesi, come gli Stati Uniti, può essere interessante anche da questo punto di vista".
Tema ampio a livello giuridico, economico, sociale e storico. Al contempo, diventa uno strumento e una riflessione, come spiega Chiappinelli.
"Avere lo strumento per capire cosa vuol dire che una cosa √® un bene comune, allora pu√≤ essere interessante approfondire il tema", prosegue."La prima cosa che viene in mente √® l'acqua, inoltre in Italia c'√® stato un referendum a riguardo qualche anno fa, altri possono essere la natura. Se pensiamo alla foresta amazzonica, si trova in un altro Stato e ha una funzione che serve a tutta l'umanit√†. Da questo punto di vista un bene come questo, e non sono il primo a dirlo, √® importante riconsocere che hanno una valenza per tutta la comunit√†. L'altra caratteristica dei beni comuni √® che non hanno frontiere e dire che la foresta amazzonica √® un bene comuni vuol dire tutelarla non solo in quello Stato, ma anche a livello internazionale. Nella societ√† di oggi √® importante. Il tema pi√Ļ importante che ho cercato di trattare √® stato anche quello dei vaccini, in quanto c'√® stata una vasta discussione tra organismi internazionali e Paesi. Alcuni hanno proposto di limitare i diritti di brevetto sui vaccini, in modo da poterne consentire una diffusione pi√Ļ rapida. Una proposta rimasta disattesa. Dire che i vaccini sono beni comuni pu√≤ essere importante, c'√® il caso anche della penicillina, per cui si rifiutarono i brevetti per rendere fruibile a tutti quel bene. Il tema pu√≤ declinarsi in vari ambiti, abbiamo immaginato la politica, la letteratura, la cultura e l'informazione come bene comune".
Il volume "Presente e futuro dei Beni Comuni" è preso in cura dalla casa editrice bookabook, con cui Chiappinelli sta portando avanti un crowdfunding prima della pubblicazione (raggiunte le 200 copie vendute, sarà pubblicato verso novembre 2021).
"Ne tratto nel volume, quando si parla di beni comuni si parla di propriet√† e si deve parlare anche di sovranit√† nazionale", conclude."La propriet√† pubblica viene esercitata da enti presenti sul territorio. In questo senso pu√≤ essere importante anche per i comuni, sia grandi che piccoli, come Foggia o i piccoli borghi. Immaginare un sistema in cui i Beni Comuni possano consentire ai Comuni di poter avere una funzione sociale pi√Ļ preminente. Ci sono delibere a Roma e Milano, in particolare, nel libro tratto il caso di un piccolo comune, che √® riuscito a ridare vita ad alcuni immobili che erano abbandonati. Da questo punto di vista, per le amministrazioni e i cittadini pu√≤ essere importante studiare questa teoria dei beni comuni. Sono opportunit√†".
Silvia Guerrieri - l'Attacco©