Pranzo Emiliano-Lega, Furore. ''Prendo le distanze, con il M5S non si fanno accordi sottobanco''

Mercoledì 26 Maggio 2021
"Oggi il Corriere del Mezzogiorno con un articolo a firma Francesco Petruzzelli ricalca un articolo de l'Attacco dell'altro ieri di Tommi Guerrieri (è stato pubblicato un altro anche oggi, ndr) sul pranzo del Pd foggiano con la Lega alla presenza del Presidente Michele Emiliano". Lo afferma l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle Mario Furore.

"Succede a Foggia. Voi lo sapete cosa penso del Pd foggiano, non bene, da sempre le mie riserve ritrovano contestuale riscontro pubblico. Che in Capitanata Lega e Pd andassero d'amore e d'accordo non è un mistero e lo denunciai già alle regionali del 2020. Hanno affari in comune ovunque, il Parco del Gargano e la sua gestione ai limiti dell'opportunità e legalità ne è esempio e mostra chiaramente un patto che a Foggia esiste ed è vivo e vegeto".

"Se questo deve essere il dopo Landella ne prendo subito le distanze. Che per uno come Piemontese o come la Azzarone sia più facile fare carte con uno come Splendido o altri è cosa risaputa. Con il M5S accordi sottobanco non si fanno. Anzi proprio noi del M5S avevamo chiesto tanto a Emiliano quanto ai suoi sodali foggiani una posizione chiara e univoca sul dopo Landella che ad oggi non c'è stata come sottolinea anche l'articolo. Mala tempora".