Grano duro, Cia Puglia: ''Politica istituisca CUN a Foggia, astenersi perditempo''

Giovedì 10 Giugno 2021
"Designare Foggia quale sede della CUN, la Commissione Unica Nazionale sul prezzo del Grano, è prerogativa della politica. Se dipendesse da CIA Puglia, che da anni si sta spendendo per questo naturale approdo, al capoluogo dauno da tempo sarebbe stata assegnata la sede in virtù di numeri, qualità e quantità della produzione, storia e capacità innovativa espressi da aziende, centri di ricerca e università. Suonano come un ribaltamento della realtà le dichiarazioni di chi, da membro del Parlamento e della Commissione Agricoltura, invece di impegnarsi a trovare un'intesa sopra le parti che ponga fine alla questione, scarica le proprie responsabilità buttandola in caciara".

E' Raffaele Carrabba, presidente di CIA Agricoltori Italiani della Puglia, a intervenire sulle polemiche sollevate dal senatore Saverio De Bonis riguardo alla ormai annosa vicenda della sede CUN.

"In alcuni comunicati, sono evocati perfino Panama e il suo grano misterioso. Occorre essere seri. Se i nostri politici vogliono davvero aiutare il settore cerealicolo, lo facciano, senza perdere tempo con polemiche sterili", ha aggiunto Felice Ardito, presidente di CIA Levante.


"Si fermino le manovre speculative che abbassano artatamente le quotazioni del grano duro italiano. Uno strumento concreto ed efficace è la sospensione temporanea delle importazioni a ridosso dei periodi della trebbiatura. Si intensifichino i controlli sulla qualità dei grani che arrivano dall'estero. Le speculazioni di cui si è parlato nelle ultime 24-48 ore noi le denunciamo da anni. Siamo stati i primi a far rilevare a livello nazionale lo scandalo rappresentato dal crollo del grano duro biologico", ha ricordato Michele Ferrandino, presidente di CIA Capitanata.

"Le scelte di politica agricola nazionale devono orientarsi verso una valorizzazione concreta delle produzioni agricole di qualità, in tal senso per il settore grano duro - di rilevanza strategica per il nostro Paese - vanno utilizzate le risorse a disposizione del Mipaaf, da ultimo quelle stanziate con la legge di bilancio 2021 e poi anche le risorse del PNRR e del Fondo complementare: la filiera del grano duro è un asset fondamentale per il nostro Paese e, come tale, deve essere tutelata e valorizzata in tutte le sue fasi". E' quanto è stato ribadito dalla CIA e dalle altre associazioni del coordinamento Agrinsieme nell'audizione indetta dall'Ufficio di Presidenza della Commissione Agricoltura del Senato.

Nel 2020, complessivamente la Puglia ha prodotto 9,5 milioni di quintali del prezioso cereale, il 35% della produzione nazionale, impiegando una superficie pari a 344.300 ettari. Da sola, la provincia di Foggia nel 2020 riuscì a produrre 7.125.000 quintali su una superficie di 240mila ettari, con una resa media per ettaro di 29,68 quintali.

"La politica e le istituzioni possono fare molto, magari producendo più fatti e meno parole", ha detto Carrabba. "Serve un patto tra produttori e trasformatori nel segno del 'made in Italy' e del nostro grano duro come elemento principe della pasta italiana di qualità. Come organizzazione, siamo a disposizione di chi voglia trovare una soluzione innovativa anche in direzione della sostenibilità ambientale: le enormi navi che arrivano in Italia con i loro carichi di grano fanno migliaia di chilometri, inquinano e rappresentano un rischio e un costo da molti punti di vista. Ecco, se davvero vuol battere un colpo, la politica scelga Foggia quale sede della CUN e trovi un accordo su pochi e concretissimi punti per valorizzare davvero il grano duro italiano. Noi ci stiamo, gli agricoltori ci sono, siamo qui e siamo pronti a fare la nostra parte, come sempre, astenersi perditempo", ha concluso Carrabba.


"La Cia Puglia evidentemente è male informata. Altrimenti non si spiegano gli attacchi che mi sono stati rivolti usando argomenti falsi e pretestuosi", è stata la replica del senatore Saverio De Bonis.

"Chiedono che sia fermata la speculazione, ma loro non partecipavano forse alla Commissione prezzi quando il TAR ha annullato i listini di Foggia? La Cia nazionale - aggiunge il senatore -, ma forse in Puglia la notizia non è arrivata, ha chiesto al tavolo del MIPAAF un commissario in più per la Commissione unica nazionale, pur non essendole dovuto e non essendo consentito dalla legge. E questo tra l'altro rallenta l'iter di costituzione della CUN. Insomma, la Cia cerca di attribuirsi i meriti della Commissione unica nazionale e scaricare la responsabilità dei ritardi sulla politica. La Cia Puglia parla di 'caciara' e di 'fatti, non parole'. Ma di cosa va parlando? Senza l'azione costante mia e dell'onorevole L'Abbate la legge sulla CUN non avrebbe visto la luce2.


E ancora, ricorda De Bonis alla Cia Puglia, "evidentemente smemorata oltre che ignara, che i rappresentanti di Agrinsieme della quale fa parte non vogliono la quotazione del biologico che invece lei promuove, come me del resto. Non ci sembra che durante i lavori al tavolo di filiera per la CUN la Cia abbia appoggiato la richiesta di Liberi Agricoltori di inserire la griglia di qualità per distinguere il grano del Sud senza glifosato e Don da quelli di importazione. Poi, designare Foggia quale sede della CUN - che io continuo comunque a chiedere in tutte le sedi - è prerogativa della legge. Adesso spetta ai sindacati pretendere che gli industriali rispettino la legge! E in ogni caso, anche su questo, non mi risulta che la Cia abbia espressamente dichiarato, nella sede deputata che ho appena citato, di volere la CUN a Foggia. Sempre la Cia Puglia lascia intendere che la notizia che ho dato sulla nave arrivata da Panama non sia vera. Evidentemente avrà irritato gli amici degli amici. Io mi baso su notizie certe e accreditate".


"Mi chiedo invece che fine abbia fatto la nave che i rappresentanti della Cia avrebbero avvistato a Manfredonia. Da dove veniva? A chi era destinato il carico? Di quanti quintali era? Ho il sospetto che mentre le nostre fonti sono attendibili e chiare, quelle della Cia siano solo bufale utili a depistare l'attenzione. Invece di perdersi in sterili polemiche, si lavori invece per raggiungere gli obiettivi seri: l'istituzione della CUN, la sede a Foggia, il listino unico, la quotazione anche del biologico. La Cia Puglia da che parte sta?", ha concluso De Bonis, membro della IX Commissione Agricoltura del Senato.