Fovea Embers in volo, l'avvio di stagione è in linea con le ambizioni della vigilia

Mercoledì 9 Giugno 2021
Pronostico rispettato. La Fovea Embers fa sul serio, vince le prime due gare in trasferta della stagione sul diamante di Cupramontana ed agguanta in testa alla classifica Torre Pedrera: percorso quasi netto per i dauni che nella serie delle prime sei gare finora hanno infilato cinque vittorie e una sconfitta. Anche in terra marchigiana il roster di manager Salvatore Strippoli non ha fatto sconti, imponendosi 7-9 in gara 1 e 1-3 in gara 2 con pieno merito. E la doppia vittoria assume un sapore assai speciale, perché ottenuta lì dove la scorsa stagione i foggiani avevano viceversa rimediato due sconfitte: "Per come stiamo affrontando questo avvio di stagione la doppia vittoria era auspicabile, ma tutt'altro che scontata - evidenzia Strippoli -. Cupramontana Ã¨ una squadra difficile da affrontare per chiunque, soprattutto in casa. Non a caso per noi sono state le partite più difficili da interpretare di questo primissimo inizio di campionato". Il risultato finale, ad ogni modo, rispecchia i valori espressi in campo dalle due squadre: in gara 1 la differenza l'hanno fatta il solito Gabriele Ciffo sul monte, ben sorretto da Gianmarco Di Battista, poi nel finale c'è stato spazio anche per il giovane Francesco Strippoli (figlio del manager Salvatore ndr): "Devo ammettere che i lanciatori hanno tenuto sempre sotto controllo l'incontro, mentre in attacco Gabriele Sammartino e Francesco D'Agnelli sono riusciti a mantenere gli avversari a distanza di sicurezza", riflette Strippoli. Ancor più equilibrata gara 2, andata in scena sotto i riflettori del diamante marchigiano. Questa volta è stato il venezuelano Joaquin Faria a spadroneggiare sul monte di lancio, ottimamente avvicendato poi da Luigi Sammartino, freddo e razionale nel chiudere la porta ad ogni tentativo di rimonta avversaria. Si è così materializzata la seconda doppietta Fovea (dopo quella della prima giornata contro Fano), anche se il meglio deve ancora venire: "Sinceramente me lo auguro, anche perché a volerla dire proprio tutta il nostro attacco non sta ancora esprimendo tutto il suo potenziale offensivo, quando lo farà sarà difficilissimo per chiunque affrontarci". La Fovea Embers, insomma, è sulla strada giusta. Ed anche se siamo solo alle primissime battute, vittorie come le ultime sono sicuramente di buon auspicio, e trasmettono fiducia ed entusiasmo a tutto il gruppo: "Le sfide con Cupramontana hanno sempre un fascino particolare - confessa il manager della Fovea -. Il suo miglior giocatore, Salazar Louis, era il modello al quale un po' tutti noi giovani ci ispiravamo. Bene, Salazar sabato scorso era arbitro dell'incontro, e per una curiosa coincidenza suo figlio Alessandro e il mio Francesco erano contemporaneamente in campo. Hanno anche vestito assieme la stessa maglia in nazionale". Il futuro più prossimo ora in casa Fovea si chiama Potenza Picena, da affrontare domenica sul diamante di Via Gramsci. Le pantere del manager Daniele Senegalesi non hanno avuto un buon approccio, arrivano da due sconfitte contro Fano (5-3; 9-3) e sono ultime in classifica con una vittoria e cinque sconfitteStrippoli però è guardingo, e non si fida: "Non sono assolutamente da sottovalutare, e non possiamo permetterci cali di tensione. Non credo che la classifica rispecchi il vero effettivo valore dei marchigiani". Continuare a vincere è l'obiettivo dichiarato della Fovea: "Non ci aspettavamo di ritrovarci con una sola gara persa, per giunta all'inning supplementare - conclude il manager foggiano -. Ora però restiamo con i piedi ben saldi per terra". 
Fabio Trallo