Foggia, pretendeva di sostituirsi ai volontari nel trasporto dei degenti attraverso minacce e aggressioni: arrestato

Mercoledì 9 Giugno 2021
Nella mattinata odierna personale della Squadra Mobile di Foggia, al termine delle indagini coordinate e dirette dalla locale Procura della Repubblica, ha dato esecuzione a un'ordinanza applicativa della misura degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale del Riesame di Bari.

In particolare, in accoglimento dell'appello proposto dalla Procura di Foggia avverso l'ordinanza emessa dal Gip di Foggia, il Tribunale del Riesame ha ritenuto sussistente il reato di estorsione commesso da un foggiano, classe 81', ritenuto contiguo alla "batteria" dei "Moretti-Pellegrino-Lanza" e con alcuni pregiudizi di polizia.

L'uomo è ritenuto responsabile dei reati di lesioni, evasione ed estorsione aggravata commessi nel dicembre 2019, in costanza di applicazione della misura alternativa della detenzione domiciliare, ai danni di una locale associazione di volontariato operante nel settore dei trasporti in ambulanza dei degenti.

L'attività investigativa ha evidenziato come il destinatario del provvedimento restrittivo, al fine di sostituirsi nell'attività di trasporto in ambulanza dei degenti ricoverati presso il locale nosocomio e ottenere l'ingiusto profitto corrispondente al prezzo dei trasporti, con più atti consistiti in minacce e violenze nei confronti degli appartenenti della onlus, abbia costretto quest'ultima a dimezzare il numero dei trasporti dei degenti.

Le ripetute minacce, sfociate anche in un'aggressione ai danni del presidente dell'associazione di volontariato, hanno costretto l'associazione a rinunciare a metà dei trasporti da e per gli Ospedali Riuniti a favore dell'uomo, con inevitabile danno per l'intera comunità foggiana costretta a non poter usufruire gratuitamente di un servizio prezioso assicurato dall'associazione di volontariato presa di mira.