Un Pablito nel cuore del centro foggiano, sono le nuove ''Case POPolari''

Lunedì 7 Giugno 2021
Un Pablito di 200 metri quadri nel centro di Foggia. Non fantasia ma semplice realtà nella città capoluogo. Le braccia al cielo e il volto di Paolo Rossi, che infiammò i mondiali di calcio vinti dall'Italia nel 1982, campeggeranno di fianco di un edificio popolare nel pieno centro cittadino, all'incrocio tra via Ammiraglio Alberto da Zara e via Brigata Pinerolo.

Di cosa si tratta? Da quando è stata rimossa l'impalcatura che nascondeva l'opera, se lo stanno chiedendo in molti, condividendo foto e commenti sui social. Sono le "Case POPolari, belle e intelligenti" che nascono dalla collaborazione tra ARCA Capitanata e Graffiti for Smart City, arte e tecnologia per il recupero urbano e per colmare il gap digitale. Il progetto combina infatti la bellezza della tecnica del mosaico digitale alla Tecnologia: il muro è anche un hot spot di nuova generazione caratterizzato da potente connettività, realtà aumentata e intelligenza artificiale.

Edilizia popolare, arte e tecnologia si incontrano a Foggia: l'esultanza di Paolo Rossi impreziosisce la facciata di un nuovo edificio popolare nel pieno centro di Foggia. "È la prosecuzione di una visione di ARCA Capitanata e della Regione Puglia secondo cui i quartieri popolari rappresentano una risorsa per l'intera città e non devono esser visti come un agglomerato di problemi - commenta senza giri di parole a l'Attacco Denny Pascarella - l'obiettivo è quello di far capire che tali zone rappresentano davvero un rilancio per la nostra città".

C'è infatti tutta la volontà di replicare l'iniziativa. "L'idea è quella di creare degli smart work digitali - continua il presidente - si tratta infatti di digital art, ovvero infrastrutture che creiamo nelle piazze sociali. La scelta rientra nella nostra visione di gestione sociale. D'altronde è oggi più che mai necessario creare aggregazione nell'ambito delle case popolari, tra quest'ultime e la città stessa. Le case popolari - rimarca Pascarella - non sono e non devono esser viste come zone separate dal resto della città". Un vero trait d'union, dunque.

Da qui l'idea di creare punti di aggregazione che possono esser sfruttati da tutti  cittadini. Il Pablito non è la prima opera realizzata a Foggia. "È la seconda - precisa il presidente che aggiunge - qualche anno fa, venne realizzata la 'linguaccia' di Candelaro, tratta da una celebre foto del maestro Oliviero Toscani che ci concesse di rappresentar. Un'opera che simboleggia tutt'oggi una sorta di sberleffo alla quarta mafia. Da qui l'idea di installarla in un punto strategico come quello del rione Candelaro".

Altri dettagli di queste nuove "Case POPolari, belle e intelligenti" saranno svelati venerdì 11 giugno prossimo, alle ore 10:00, alla presenza del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, del vicepresidente Raffaele Piemontese, dell'amministratore unico di ARCA Capitanata Denny Pascarella, Salvatore Pepe di "Graffiti for Smart City" e Luca Barbieri di Casa Klima Bolzano.

Mauro Pitullo