San Marco in Lamis, sanzione a bar aperto nonostante le restrizioni e arrestato un giovane del posto

Mercoledì 7 Aprile 2021
Nei giorni scorsi i carabinieri della compagnia di San Giovanni Rotondo, in tutte le sue componenti (Nucleo operativo e radiomobile, stazioni di San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis e Rignano Garganico), nel corso di opportuni servizi di controllo straordinario del territorio finalizzati al contrasto delle norme anti-Covid e codice della strada hanno proceduto all'arresto di una persona, alla denuncia di altre due e alla segnalazione alla Prefettura di un'altra.

In particolare, i carabinieri della Stazione di San Marco in Lamis nel corso di un controllo in un bar locale hanno notato la presenza nei pressi del banco di mescita di una dozzina di persone che alla vista dei militari si allontanavano repentinamente. Ne è seguita la contestazione del relativo illecito amministrativo al gestore di quel locale di cui è stata disposta la chiusura per cinque giorni e la proposta alla Prefettura per l'ulteriore chiusura di un mese.

Sempre i carabinieri della stazione di San Marco in Lamis, durante un servizio di pattuglia, hanno notato un gruppo di giovani che stazionavano nei pressi della villa comunale, seduti su alcune panchine a consumare delle birre. Alla vista dei militari tutti si sono allontanati prima di essere identificati a eccezione di un 25enne del luogo il quale, dopo essere stato raggiunto dai militari, ha opposto una ferma resistenza, minacciandoli. Con non poche difficoltà è stato arrestato per il reato di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale. Sottoposto agli arresti domiciliari, il Tribunale di Foggia ha convalidato l'arresto e disposto a suo carico l'obbligo di presentazione quotidiana presso i carabinieri di San Marco in Lamis.

Nel corso dei vari controlli eseguiti da parte di tutte le pattuglie in circuito sono state eseguite 10 perquisizioni personali, controllate 45 persone sottoposte agli arresti domiciliari, 10 esercizi pubblici controllati, 123 automezzi, identificate 168 persone, ritirate 139 autocertificazioni, elevate 19 contravvenzioni a norme anti-Covid, 12 al codice della strada, oltre 7mila euro di somma complessiva verbalizzata, ritirato un documento di circolazione e sequestrato un veicolo.