Frodi in agricoltura, sequestrati terreni e liquidità a pluripregiudicato di San Nicandro Garganico

Giovedì 6 Maggio 2021
Il Tribunale di Foggia - Sezione Gip, su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo dauno che ha diretto e coordinato le indagini condotte da militari del comando provinciale Foggia della Guardia di Finanza, ha disposto il sequestro preventivo di beni e liquidità nei confronti di un imprenditore agricolo di San Nicandro Garganico per aver percepito indebitamente erogazioni pubbliche dal 2016 al 2020.

Nello specifico, all'indagato è stato notificato il sequestro preventivo per equivalente di terreni e conti correnti nella sua disponibilità. Si tratta di D.A., pluripregiudicato di 65 anni, soggetto organico alla criminalità organizzata garganica attiva tra i comuni di San Nicandro Garganico e Cagnano Varano.

Le indagini, condotte dai finanzieri della Tenenza di San Nicandro Garganico hanno permesso di appurare che D.A., già colpito dalla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e da diverse condanne definitive per furto, rapina, ricettazione, detenzione illegale di armi e munizioni, seppur gravato da precedenti penali che, in base alla normativa antimafia, negano qualsivoglia sostegno finanziario o erogazione da parte dello Stato, di altri enti pubblici o dell'Unione europea, dal 2016 al 2020 ha fraudolentemente chiesto e indebitamente ottenuto dall'Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea) finanziamenti e contributi quali contributo Pac (Politica agricola comune) a favore dell'impresa agricola di cui è titolare.

Contestualmente sono state bloccate le erogazioni dei contributi relativi all'anno 2021 che il pregiudicato aveva già avanzato per la propria azienda agricola.