Prevendita chiusa a quota 467, da ieri il via alla vendita libera

Calcio
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Il primo dato che arriva dal botteghino (virtuale) incoraggia all’ottimismo: lo scorso 31 luglio si è chiusa la prelazione della campagna-abbonamenti del Calcio Foggia 1920

che consentiva di conservare il vecchio posto nei settori di Tribuna Centralissima, Centrale, laterale ed inferiore. Ed il riscontro finale è in linea con le aspettative.

Sono in 467 ad aver espresso il loro gradimento a quanto è stato fatto finora dal club di Nicola Canonico. In arrivo circa 140mila euro nelle casse sociali, un gruzzoletto che farà piacere in questo frangente al club rossonero che sul mercato sta compiendo il massimo sforzo per rendere il Foggia quanto più competitivo possibile.
Da ieri, invece, è partita la vendita libera online e presso lo store di Via Zara (all’interno di Mercati di Città), gli orari di apertura e chiusura del punto vendita saranno i seguenti: dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30 al mattino, e dalle 16,30 alle 19,30 il pomeriggio.
Il sabato, invece, dalle 9,30 alle 12,30.

Affluenza scarsa in Via Zara nel primo giorno, anche se la vendita online (come già successo per la prelazione) sembra poter essere la formula vincente che attrae di più e che potrebbe portare a risultati insperati.
Intanto il Foggia si avvia a concludere il periodo di permanenza in Friuli, e domani è atteso dalla seconda uscita stagionale nell’allenamento congiunto delle 18.30 presso il Centro Sportivo di Malborghetto contro la ND Adria Miren, formazione che milita nella terza serie slovena. Pareva che le due settimane di permanenza al Nord per il Foggia dovessero concludersi senza la possibilità di affrontare un altro sparring-partner di una certa consistenza, e che si dovesse attendere solo il 13 agosto per rivedere i rossoneri in campo nell’amichevole di Termoli.

E invece il club alla fine ha accontentato il tecnico Boscaglia, che aveva espressamente richiesto tre amichevoli prima di fare rientro in sede, e che dopo l’annullamento della prima uscita programmata per il 27 luglio scorso contro una rappresentativa del posto ha insistito per organizzare per i suoi un’altra sgambatura.

Utile per verificare lo stato di salute complessivo della squadra e dei singoli, soprattutto di quelli che contro il Pordenone non hanno brillato.
In campo ci saranno anche Papazov e soprattutto Schenetti, che Boscaglia vorrà vedere all’opera anche se solo magari per uno spezzone di gara. Con gli ultimi due arrivi il Foggia non è ancora completo, deve completare la batteria dei portieri, e reperire sul mercato un esterno di difesa destro (l’alter ego di Garattoni), un altro esterno alto di sinistra (omologo di Schenetti), e soprattutto tesserare il terminale offensivo che entri in concorrenza con Oguneseye.

Il sogno proibito resta Alexis Ferrante, che la Ternana ha però dichiarato incedibile: al giocatore non dispiacerebbe la soluzione Foggia, ma il club umbro pare che stia spingendo per parcheggiare il bomber argentino per una stagione a Cesena.