Mobilitazione del M5S contro la criminalità, il Prefetto Esposito: “La maggior parte della gente di questa comunità è con noi”

Foggia
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Procura, Prefettura e Comune di Foggia: sono stati questi i palazzi che un’ampia rappresentanza di eletti a tutti i livelli istituzionali del M5S hanno raggiunto questa mattina, intrattenendosi nei colloqui con il procuratore Ludovico Vaccaro, il Prefetto Carmine Esposito e i componenti della Commissione prefettizia a Palazzo di Città.

A guidare la delegazione la sottosegretaria alla Giustizia Anna Macina che ha presentato la piattaforma di proposte per arginare la criminalità: “Per quel che riguarda il potenziamento degli organici e personale delle forze di polizia si sta ragionando sia su pianta organizza flessibile per calibrare meglio le risorse in risposta alle criticità, già ho fatto presente queste richieste alla ministra Marta Cartabia e ho trovato una disponibilità a lavorare su questo fronte. Con il procuratore Vaccaro abbiamo sollevato la questione che riguarda la fattibilità della proposta che prevede presenza fisica del pool in forza alla DDA di Bari che indaga e lavora su Foggia”. All’incontro con Vaccaro erano presenti oltre a Macina, Bruna Piarulli, Giulia Sarti, Marco Pellegrini e Carla Giuliano.

“Ci fa piacere ricevere la solidarietà della politica – ha affermato il Prefetto Esposito –. Le scelte importanti sono nelle mani della politica e sotto questo profilo la visita della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese ci riempie di orgoglio perché significa che il Governo si mostra sensibile e attento alle dinamiche di questa collettività. Noi siamo convinti che abbiamo conseguito un bagaglio di esperienze per combattere efficacemente il crimine su questo territorio perché ci sono delle eccellenze straordinarie”.

Su significato della manifestazione di oggi e sull’impegno che il M5S intende continuare a svolgere sul territorio di Capitanata l’Attacco ha registrato le voci dell’europarlamentare Mario Furore, e degli onorevoli Marialuisa Faro e Giorgio Lovecchio.