Cerignola, ospedale Tatarella. Cittadinanzattiva scrive al Sindaco: “Urgono soluzioni non più rinviabili, servono azioni risolutive”

Sanità di Capitanata
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Il Tribunale per il Diritto del Malato Cerignola si rivolge al Sindaco, Francesco Bonito, ricordandogli che “negli ultimi due anni, ha raccolto infinite segnalazioni, in merito allo stato di degrado in cui versa il Presidio Ospedaliero di Cerignola. Certo in questi due anni di Covid non siamo stati indifferenti nel segnalare puntualmente i diversi disagi che i pazienti /cittadini, hanno riscontrato

nei diversi reparti e attività di visite specialistiche, specie quelle riguardanti la prevenzione, completamente assenti”.

“Il nostro sportello del Tribunale per il Diritto del Malato, presente all’interno della struttura, ha raccolto sia le segnalazioni dei cittadini, sia quelle più dettagliate da parte del personale Ospedaliero (Medici, Infermieri e Oss), che quotidianamente vivono sulla propria pelle, lo stato di disagio sul posto di lavoro”.

“Le liste di attesa che rimangono eternamente in attesa, per non parlare degli esami urgenti, che costringono il cittadino ad effettuare (per chi se lo può permettere), visite ed esami presso strutture private e costose, sia in Puglia che fuori regione, sottoponendo la Regione Puglia a maggiori costi per la Sanità. A tal proposito ne vorremmo segnalare alcune: mancanza di personale medico, infermieristico e Oss, sicurezza del personale, la mancanza di efficienza dei servizi affidati a Sanità Service (Manutenzione del verde, aree parcheggio, vigilanza all’ingresso parcheggi) e molto altro ancora”.

“Questa situazione, oramai insostenibile, urge soluzioni non più rinviabili, servono azioni risolutive. Per tali ragioni, ci rivolgiamo a Lei, in rappresentanza delle istituzioni - conclude Domenico Dagnelli, coordinatore AT Cerignola e Tribunale per il Diritto del Malato -, affinchè convochi in tempi stretti una Conferenza di Servizio, che veda il coinvolgimento delle Istituzioni preposte (Sindaci dei Cinque Reali Siti, Commissario Straordinario ASL Foggia, Amministratore Delegato Sanità Service, Rappresentanze Ospedaliere Medici, Infermieri e Oss), oltre che alla scrivente Associazione, in rappresenta dei Cittadini”.