Se si mette al primo posto la tutela della salute e il benessere della persona come diritto fondamentale da tutelare e promuovere, si giunge alla consapevolezza che fare prevenzione anche in luoghi pubblici come i centri commerciali può essere un’occasione unica e inclusiva per favorire l’accesso dei cittadini più vulnerabili a servizi sanitari ed assistenziali di base.

Si moltiplicano le segnalazioni di disservizi e problemi in ambito sanitario in arrivo dai paesi dei Monti Dauni, è di ieri peraltro la notizia, riportata su queste colonne, di un’interrogazione in consiglio regionale proprio sull’argomento presentata da Giandiego Gatta che ha fatto una fotografia della situazione poi sottoposta all’attenzione del presidente Michele Emiliano e dell’assessore alla sanità Rocco Palese.

Altri articoli...