Comune di Manfredonia, bocciata in Consiglio la richiesta di incompatibilità mossa contro Rotice

Partiti
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

La richiesta di vederci chiaro e risolvere le ragioni che determinerebbero, secondo l’opposizione, l’incompatibilità di Gianni Rotice

con la carica di Sindaco di Manfredonia non ha avuto seguito nel Consiglio comunale svoltosi ieri, lunedì 17 gennaio 2022.

Tutti i 9 consiglieri di opposizione (Massimo Ciuffreda e Mariarita Valentino dei Progressisti Dem, Michele Iacoviello e Gaetano Prencipe di Molo 21, Francesco Schiavone per Progetto Popolare, Raffaele Fatone e Gianluca Totaro del MoVimento 5 Stelle, Giulia Fresca di Manfredonia Nuova, Maria Teresa Valente per CON) avevano apposto la propria firma sulla procedura che ha determinato la convocazione del Consiglio comunale, e tutti hanno votato compatti a favore della mozione mossa. Non è bastato, visto che i numeri sono nettamente a favore della maggioranza di Rotice: 16 voti a favore della ‘contro-mozione’ proposta dal consigliere Vincenzo Di Staso (Forza Italia), che considera inesistenti le cause di incompatibilità.

Nel video, dapprima la richiesta avanzata dal consigliere Gaetano Prencipe a nome dell’opposizione e, dopo, le dichiarazioni di Rotice che inizia chiarendo quella che Prencipe aveva ritenuto una linea editoriale de l’Attacco troppo ‘morbida’ nei confronti dell’attuale esecutivo cittadino.