E’ di Ordona una delle “Donne del Vino” d'Italia

Impresa
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

La giovane imprenditrice ordonese Antonia Volpone è stata annoverata tra le “Donne del Vino”.

L’associazione nazionale di imprenditrici vinicole è la più grande al mondo e conta più di 900 associate tra produttrici, ristoratrici, enotecarie, sommelier, giornaliste ed esperte di vino in tutta Italia.

L’obiettivo è di diffondere la cultura e la conoscenza del vino attraverso la formazione e la valorizzazione del ruolo della donna nel settore vitivinicolo. “Sono molto contenta e fiera di essere entrata nell’associazione ‘Donne del vino’ – ha detto Antonia Volpone, titolare dell’omonima azienda in provincia di Foggia – poiché ritengo che il lato femminile sia importantissimo all’interno delle aziende, perché le donne, più che di cercare gli obiettivi, creano relazioni e il loro apporto creativo è fondamentale all'interno dell'azienda”.

“Proprio per questo motivo – ha aggiunto Volpone – ho progettato una linea didattico artistica che ospiterà al suo interno un teatro e avrà intorno a sé alcuni ‘satelliti’, che aiuteranno il percorso esperienziale della degustazione attraverso gli occhi, il naso e la bocca, con un connubio di arte, vino e musica”.

Fino al 13 marzo le Donne del Vino realizzeranno una serie di eventi proprio per esaltare l'importanza della donna all'interno delle aziende. Il tema di quest'anno è proprio “Donne, vino, futuro e comunicazione” e l'immagine proposta è quella di una bottiglia come contenitore di questo messaggio alle generazioni future.

Placido-Volpone è un'azienda della provincia di Foggia annoverata tra le 100 eccellenze italiane 2021 sulla rivista Forbes, l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle.

Tra le eccellenze di casa Placido-Volpone, quest'anno il Faragola è stato giudicato il terzo miglior vino rosato d'Italia e inserito nell'annuario dei Migliori Vini Italiani di Luca Maroni.