Inflazione, Coldiretti: olio semi girasole (+64%), farina (+17%) e burro (+15,7%) tra i top ten rincari

I Nodi dello Sviluppo
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

La guerra si abbatte sul carrello della spesa con la classifica dei rincari che è guidata dagli oli di semi, soprattutto quello di girasole (+64 per cento).

Quest’ultimo risente del conflitto in Ucraina, che è uno dei principali produttori e ha dovuto interrompere le spedizioni, mentre al secondo posto c’è la farina, con i prezzi in salita del 17 per cento trainati dagli aumenti internazionali del grano e al terzo il burro (+15,7 per cento) che risente della ridotta disponibilità del mais destinato all’alimentazione delle mucche da latte.

E’ quanto emerge dallo studio della Coldiretti sulla base delle rilevazioni Istat relative all’inflazione ad aprile 2022.

I prezzi di cibi e bevande sono balzati in media del 6,4 per cento con aumenti a doppia cifra – sottolinea la Coldiretti – anche per la pasta (+14 per cento), carne di pollo (+12 per cento), verdura fresca (+12 per cento) e frutti di mare (+10 per cento).

Ma crescono anche quelli di gelati a +10 per cento, uova (+9 per cento) e pane (+8 per cento) rispetto allo stesso periodo scorso anno.

Se i prezzi per le famiglie corrono, l’aumento dei costi colpisce duramente l’intera filiera agroalimentare a partire dalle campagne dove – continua la Coldiretti –  più di un’azienda agricola su 10 (11 per cento) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività ma ben circa 1/3 del totale nazionale (30 per cento) si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dell’aumento dei costi di produzione, secondo il Crea.

Il boom delle quotazioni per i prodotti energetici e le materie prime si riflette – sottolinea Coldiretti Puglia – sui costi di produzione del cibo ma anche su quelli di confezionamento, dalla plastica per i vasetti all’acciaio per i barattoli, dal vetro per i vasetti fino al legno per i pallet da trasporti e alla carta per le etichette dei prodotti che incidono su diverse filiere.