Aeroporto Gino Lisa, Federalberghi Foggia va oltre: "Impegno serio anche per il biennio 2023-2024"

I Nodi dello Sviluppo
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Si accendono i riflettori sull’aeroporto di Foggia. Inizia così una nuova vita per l’importante asset della Capitanata che potrà giocare un ruolo fondamentale per lo sviluppo del turismo del Gargano e dell’intera Capitanata.

E’ stato pubblicato, infatti, sul portale di Aeroporti di Puglia l’avviso pubblico relativo al programma di incentivazioni per l’attivazione di voli di linea da/per l’aeroporto “Gino Lisa” di Foggia. Con questo strumento saranno assicurate, in modo trasparente, pari opportunità ai vettori interessati, a partire dalla stagione Iata “Summer 2022” per l’introduzione di nuove rotte da/per l’Aeroporto di Foggia.

“Gli albergatori e gli operatori turistici del Gargano e dell’intera provincia di Foggia intravedono, dopo il duro periodo pandemico, nuove importanti possibilità di sviluppo del turismo del territorio – dichiara il presidente di Federalberghi Foggia Gino Notarangelo –. Ora ci aspettiamo una risposta importante dal mercato nazionale e internazionale del settore dell’aviazione e del turismo. Gli operatori del nostro territorio, e in particolare del Gargano, attendevano da anni questa importante chance per completare il percorso finalizzato al decollo di una vera industria del turismo”.

“Per i tempi della programmazione turistica europea, con il bando ‘Summer 2022’ si è sicuramente in ritardo. Prevediamo, pertanto, il massimo sforzo di tutti noi perché questa start-up abbia i migliori risultati possibili, auspicando un impegno serio di Aeroporti di Puglia e della Regione per il lancio per l’autunno di quest’anno di un altro bando almeno biennale (2023/24) che ci faccia lavorare veramente da protagonisti nel mercato turistico europeo per il prossimo futuro”.

“Mi sento di esprimere i miei migliori apprezzamenti per il lavoro proficuo di Aeroporti di Puglia e della Giunta regionale pugliese per l’importante risultato raggiunto – conclude il leader degli albergatori della Capitanata –. Ridare nuova operatività e prospettive a un aeroporto chiuso e spento da tanti anni significa spalancare le porte al settore turistico territoriale che è pronto con uomini e mezzi di grande qualità. Far volare Foggia vuol dire crescita e sviluppo di un settore che darà grandi soddisfazioni non solo al nostro territorio, ma anche alla Puglia intera”.