Acquedotti rurali, Campo: "Necessario implementare il sistema per servire anche le imprese delle aree interne"

I Nodi dello Sviluppo
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

"È necessario implementare il sistema degli acquedotti rurali e mi sono impegnato a contribuire alla definizione di un percorso di lavoro utile a mettere in rete Acquedotto Pugliese, Autorità Idrica Pugliese e Comuni non ancora serviti per risolvere i problemi sofferti dagli impianti produttivi. A partire da quelli situati nei territori di Rignano Garganico e Roseto Valfortore, i cui sindaci, Luigi Di Fiore e Lucilla Parisi, hanno partecipato alle audizioni congiunte delle Commissioni del Consiglio regionale IV e V svoltesi questa mattina su richiesta del consigliere regionale Antonio Tutolo", afferma Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente della Regione Puglia.

"Nel primo caso è stata segnalata la necessità di irrigare all'incirca 5.000 ettari di terreno coltivato a grano, pomodoro e ortofutta, che si trovano nella piana sottostante il centro garganico; nel comune dei Monti Dauni, invece, ci sono diversi impianti produttivi poco distanti dall'abitato che non dispongono di acqua potabile", continua l'eletto manfredoniano del Pd.

"La realizzazione di acquedotti rurali è stata la richiesta avanzata dai due sindaci, presenti l’assessore regionale all'Agricoltura Donato Pentassuglia e la consigliera di AQP Rossella Falcone. Ho proposto di approfondire la questione in un apposito tavolo tecnico di confronto cui darò impulso al fine di individuare la soluzione più efficace e rapida", conclude Campo.