Agricoltura sociale e categorie svantaggiate al centro dei due progetti finanziati dal Gal Daunia Rurale 2020

Imprese e Mercati
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

E’ uno dei pochi, se non l’unico in Puglia il Gal Daunia Rurale 2020 ad aver attivato misure per finanziare progetti dedicati alla agricoltura sociale.

Oggi ne sono stati presentati altri due, proprio a San Severo nella sede del Gal. “Stare insieme rende forti” e ‘Tris’, così si chiamano e hanno vinto il bando 2.3 “Rete della Daunia Rurale per l’innovazione e l’inclusione sociale delle categorie svantaggiate”.

“Stare insieme rende forti” nasce dalla collaborazione tra le cooperative sociali Agape (soggetto capofila) e Attivamente di San Severo e Medtraining e Ortovolante di Foggia.

Il progetto intende favorire, mediante un percorso di formazione specifico, l’orientamento al lavoro e la presa in carico di soggetti svantaggiati, in particolare disabili psichici segnalati dalle istituzioni competenti.

Nel corso dell’incontro è stato presentato anche il progetto “Tris” (Terreni in Rete per l’Inclusione Sociale) che vede come capofila l’ente Smile Puglia, supportato dalle Asp ‘Vincenzo Zaccagnino’ di San Nicandro Garganico e ‘Castriota e Corroppoli’ di Chieuti. ‘Tris’, che coinvolgerà una vasta rete di soggetti operanti nel settore agricolo e in quello socio-assistenziale, intende intraprendere un percorso formativo finalizzato alla qualificazione professionale di Operatore di Fattoria Sociale.

A illustrare finalità, obiettivi e attività dei progetti sono stati Antonio De Maso, per Smile Puglia; Carmine Spagnuolo, per la Cooperativa Medtraining e il direttore del Gal Dante de Lallo.

Oltre alla presidente del Gal Daunia Rurale Paky Attanasio sono intervenuti anche Patrizia Lusi Commissario ASP Zaccagnino e Michele Ferro Direttore ASP Castriota e Corroppoli, Vincenzo Pacentra, Presidente della Cooperariva Sociale Agape e Francesco Mansolillo della Cooperativa Medtraining.

(Nelle foto, dall'alto: Dante de Lallo, Carmine Spagnuolo e Antonio De Maso)