Addobbi di fede per la Madonna del Soccorso

Immaginario
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
La festa della "Madonna del Soccorso", a San Severo, è la "festa" per antonomasia, unica, irripetibile, in cui la stessa Madre Celeste sembra gioire con il suo popolo. La "festa" riunisce le famiglie, gli emigrati e gli studenti tornano: è un appuntamento generale, un ritrovarsi, è un momento aggregante della comunità, anche se ci sono ancora tante regole anti-contagio importanti da rispettare
La festa della "Madonna del Soccorso", a San Severo, è la "festa" per antonomasia, unica, irripetibile, in cui la stessa Madre Celeste sembra gioire con il suo popolo. La "festa" riunisce le famiglie, gli emigrati e gli studenti tornano: è un appuntamento generale, un ritrovarsi, è un momento aggregante della comunità, anche se ci sono ancora tante regole anti-contagio importanti da rispettare.L'associazione "Tradizione Fujente", in vista dei prossimi festeggiamenti in devozione della Beata Vergine Maria del Soccorso, patrona di San Severo e della diocesi, festeggiamenti che si tengono, come da tradizione, la terza domenica di maggio patronali (15-16-17 prossimi)ha invitato tutta la cittadinanza, le attività commerciali ed industriali di San Severo, ad addobbare a festa le proprie abitazioni, i balconi, le vie, le piazze, i quartieri, i negozi, le ditte, in segno di fede, tradizione e devozione verso la patrona della città. "Ciò vale anche i concittadini residenti fuori San Severo, che hanno a cuore la Vergine del Soccorso", hanno evidenziato dal direttivo del sodalizio.
"Come associazione, inoltre, lanciamo l'idea di usare 'batterie e rotelle pirotecniche finte' create per l'occasione, da chi lo volesse fare- ha sottolineato il presidente di Tradizione Fujente, Antonio Quagliano - che riconducano alla tradizione. Per fare ciò, si potrebbero creare batterie con carte colorate plastificate (per ovvie ragioni metereologiche), con cannucce biodegradabili colorate, con carta rivestita con nastro adesivo colorato, con bicchieri di plastica colorati, e tutto ciò che la creatività dei sanseveresi saprà realizzare.

Insomma, in tempi di emergenza sanitaria, per tramandare la tradizione, bisogna anche saperla inventare!" Quagliano e Tradizione Fujente si rivolgono anche ai più piccoli: "Quest'idea si presta anche al coinvolgimento dei bambini che potrebbero aiutare i genitori a preparare la 'batteria', seppur finta, così da essere felici e immaginare di essere piccoli pirotecnici per qualche ora!" Certamente, anche quest'anno, tutto ciò che sarà legato alla tradizione popolare non potrà essere espresso come nel passato: "Attenzione, però. Ribadiscono dal direttivo dell'associazione -in caso di addobbi con batterie, le stesse 'non' dovranno essere posizionate per strada(con picchetti e ad altezza uomo) ma sui balconi di casa (singoli, oppure da una parte all'altra della strada tenendo presente tutte le dovute precauzioni atte a non creare violazioni normative) ovvero nelle attività, per evitare che qualcuno pensi a veri e propri spettacoli di batterie 'alla sanseverese' che creerebbero, indubbiamente, un'infondata notizia e falsa notizia che potrebbe far convergere su San Severo un cospicuo numero di persone.
È scontato che per il montaggio di queste finte batterie debba essere usato l'assoluto buon senso! L'invito, quindi, è rivolto a tutti al fine di addobbare come meglio si crede, l'intera città, anche coi più tradizionali festoni e coccarde". Le conclusioni del presidente di Tradizione Fujente, Antonio Quagliano: "La nostra associazione sarà lieta di ricevere le foto degli addobbi, in modo da creare un album fotografico 2021 che verrà pubblicato dopo la prossima Festa del Soccorso, sui nostri canali social e sul sito dell'associazione. Così facendo, quest'iniziativa verrà archiviata negli annali della storia della Festa Patronale in Onore di Maria SS del Soccorso".

Le foto potranno essere inviate via telegram o whatsapp al numero 351.9286118 (Segreteria Associazione), oppure sulla pagina Facebook @tradizionefujente oppure via e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro lunedì 17 maggio, per poi essere raccolte e pubblicate tutte insieme. Oggi tutto viaggia in Rete e perché allora non far viaggiare anche la festa patronale, facendola conoscere in modo global?
Beniamino Pascale