A fuoco rifiuti speciali "non pericolosi" tra Cerignola e Stornarella, Colia: "Assicurare i criminali alla giustizia"

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Un rogo durato quasi sette ore quello domato con fatica sabato scorso nell’agro di Cerignola.

A darne notizia il primo cittadino di Stornarella, Massimo Colia, che ha aiutato i pompieri nell'opera di spegnimento. “Siamo stati impegnati a coordinare con il Comune di Cerignola, i Vigili del Fuoco e i Carabinieri le operazioni d'intervento per l'incendio sviluppatosi in un ex opificio abbandonato in cui, nel gennaio 2021, furono ritrovati ingenti quantitativi di rifiuti speciali non pericolosi sversati, a opera di ignoti”.

“L'area fu sottoposta a sequestro dal Cta (ex Noe) e furono avviate le indagini dalla Procura della Repubblica di Foggia. Pur non avendo competenza, dato che la struttura ricade nel territorio di Cerignola, ci siamo resi disponibili a supportare logisticamente gli uomini del 115 per velocizzare le operazioni di carico dell'acqua ai loro mezzi vista la vicinanza al nostro paese”.

“Ci auguriamo che la Procura possa assicurare alla giustizia i criminali responsabili di questi gravissimi reati ambientali”, è la conclusione del Sindaco.