Omicidio D’Augelli, spunta testimone oculare. Indagato invoca legittima difesa, Pm contesta: “Con coltello all’appuntamento”

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

C’è un testimone oculare che avrebbe assistito all’omicidio di Francesco Pio D’Augelli, il 17enne ucciso con una coltellata lunedì sera a San Severo da un 15enne che, nella mattinata di ieri, si è costituito in Questura. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ansa.

E’ stato lo stesso indagato a farne il nome nel corso dell’interrogatorio tenutosi martedì pomeriggio davanti al Pm del tribunale per i minorenni di Bari. Circostanza emersa anche attraverso la visione dei filmati delle telecamere di sicurezza della zona.

E’ stato emesso nei suoi confronti un provvedimento di fermo con l’accusa di omicidio volontario.

Quando è stato ascoltato dagli inquirenti, il 15enne ha subito precisato di aver agito per difendersi, ma il Pm gli ha spiegato che essersi presentato all'appuntamento armato di coltello è sostanzialmente l’accettazione di una sfida pertanto dal punto di vista giuridico non sussiste il concetto di legittima difesa.