Bagni Bonobo, Polizia accerta svolgimento serate danzanti senza autorizzazione. Comune ordina cessazione

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Il Comune di Manfredonia ha ordinato a Francesco Romito, legale rappresentante della Biessemme a cui fa capo Bagni Bonobo, la cessazione dell’attività contestata il 24 giugno scorso dagli agenti della Polizia di Stato.

I poliziotti erano intervenuti nella nottata tra il 23 e il 24 giugno scorso, accertando che “presso il locale dello stabilimento era in corso una serata danzante con presenza di musica dj set, di fatto udibile dalla strada; il locale era gremito di gente con la presenza di operatori addetti alla sicurezza ‘buttafuori’, senza la dovuta autorizzazione.

Violazione che è punita con la sanzione amministrativa che va da € 258 a € 1.549.

Nel frattempo, il 25 giugno scorso, la Biessemme ha cercato di correre ai ripari e ha richiesto la licenza per piccoli trattenimenti o spettacoli senza ballo, con DJ, complementari all'esercizio dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande all'esterno del pubblico esercizio.

La dirigente comunale delle Attività produttive, Maria Sipontina Ciuffreda, ha avvisato inoltre che “nel caso di reiterazione delle violazioni si disporrà la chiusura del locale per un periodo non superiore a sette giorni”.