Incidente tra Cagnano Varano e Carpino, Faro: “Suggerite all’Anas opzioni alternative alla circolazione nell’area del cantiere”

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

“Il 26 aprile scorso, attraverso una pec avevo posto all’attenzione della Struttura territoriale Anas Puglia il tema della sicurezza in prossimità del cantiere aperto sul Ponte di San Francesco, che collega Cagnano Varano a Carpino”.

Lo scrive in una nota Marialuisa Faro, vicepresidente del gruppo Insieme per il Futuro alla Camera dei Deputati.

“Un’iniziativa nata dalle numerose sollecitazioni pervenute e dalla preoccupazione per la mancata chiusura del traffico veicolare durante l’esecuzione dei lavori. Nella successiva risposta pervenuta, Anas riteneva sussistenti le condizioni di sicurezza stante il limite di velocità per l’area relativa al cantiere fissato a 30 chilometri orari e tenuto conto delle esigenze della viabilità garganica palesate dalle amministrazioni locali”.

Il terribile incidente stradale nel quale domenica scorsa hanno perso la vita tre persone ha purtroppo drammaticamente riacceso l’attenzione su quel cantiere e ieri – a margine dei lavori alla Camera dei Deputati per il Dl Aiuti – ho avuto un confronto in videocall con l’ing. Vincenzo Marzi, dirigente Anas e commissario straordinario per la Superstrada del Gargano. Dopo avere espresso il dispiacere di Anas per quanto accaduto, ha ribadito la conformità del cantiere alle normative vigenti per la sicurezza, anche se parallelamente all’inchiesta per accertare le cause dell’incidente verranno condotte delle verifiche interne per fare luce su ogni aspetto e scongiurare nuove tragedie”.

“Tuttavia, dato che il rispetto del limite di velocità imposto non può bastare, ho chiesto di valutare altre opzioni, come un percorso alternativo in attesa della conclusione dei lavori. ‘Sarebbe impattante per la comunità di Cagnano Varano, perché il traffico verrebbe inevitabilmente deviato nel centro abitato, e comporterebbe un aumento dei tempi di percorrenza oltreché altre possibili criticità in tema di sicurezza legate appunto all’attraversamento del centro abitato, ma è un’ipotesi che verrà attentamente valutata, d’intesa con l’amministrazione comunale di Cagnano Varano’, è stata la risposta dell’ing. Manzi”.

“Le vite umane e la sicurezza stradale devono avere la priorità: per questo l’auspicio è che non accada mai più un dramma come quello di domenica scorsa ed è nostro dovere e compito cercare in tutti i modi di prevenire e garantire sicurezza”.