Incidente tra Cagnano e Carpino, polemiche per cantiere presente sul viadotto

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Tre persone hanno perso la vita e altre tre sono rimaste ferite, una di queste in modo grave.

E’ questo il bilancio dell’incidente stradale – si tratta di uno scontro frontale – avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, domenica 10 luglio, lungo la superstrada che da Carpino conduce a Cagnano Varano, sul Gargano.

Lo scontro frontale è avvenuto tra due utilitarie, ma non è stata ancora chiarita la dinamica di quanto accaduto. I nomi delle tre persone decedute non sono stati ancora resi noti. Le vittime, secondo le prime informazioni, viaggiavano tutte a bordo di una Golf. I rilievi sono affidati ai carabinieri.

Secondo quanto emerso, due delle tre vittime erano già morte all'arrivo dei soccorsi, mentre l’altra è deceduta poco dopo nonostante i tentativi di rianimazione.

Sul posto sono intervenuti due elisoccorso che hanno trasferito i tre feriti, tutti passeggeri dell’altra auto, a San Giovanni Rotondo. Uno di loro sarebbe in condizioni gravi.

“È da tempo che sollecitiamo Anas per l'istallazione di semafori per un doppio senso unico alternato sul viadotto San Francesco o la chiusura per la durata dei lavori, specialmente per le carreggiate ridotte al limite, la mancanza di barriere protettive e l'aumento di traffico anche di camper nel periodo estivo. Eppure Anas ci aveva risposto che il limite orario di 40 km e le carreggiate libere erano sufficienti”, si legge sulla pagina degli attivisti del Movimento 5 Stelle di Cagnano Varano.

“Purtroppo una tragedia ha colpito una famiglia di Castelluccio dei Sauri. Sento con il cuore di stare vicino a tutti i parenti delle vittime. E’ a loro che va il mio pensiero e il pensiero di tutta la comunità Cagnano Varano". Lo scrive il Sindaco Michele Di Pumpo.

“Invito a non polemizzare. Rispetto a quanto accaduto avremo risposte dalla Procura, ora pensiamo a stare vicino alle famiglie delle vittime e a tutti i feriti”, ha concluso.