ASE Manfredonia, capo personale subisce brutale aggressione. Condanna del Sindaco Rotice: “Non fermerà ristrutturazione azienda”

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

“Ferma condanna ad ogni tipologia di violenza ed atti criminali che non scalfiscono la strada della legalità intrapresa da Manfredonia. Ho avuto già modo di esprimere a titolo personale e di tutta l'Amministrazione comunale - dice Gianni Rotice, Sindaco di Manfredonia - la vicinanza e la solidarietà al dipendente ASE SpA vittima di una brutale e vile aggressione”.

“Quello accaduto sabato, prontamente denunciato alle Forze dell'Ordine, è un atto sul quale fare luce per accertare responsabili e motivazioni e che non sarà lasciato cadere nel dimenticatoio senza conseguenze”.

“La vittima è un esemplare dipendente che sta contribuendo alla difficoltosa operazione di cambiamento per l'efficienza dell'azienda municipalizzata ai rifiuti ed all'igiene urbana, facendo emergere criticità ed "incrostazioni" evidenziate nero su bianco più volte dalla nostra Amministrazione”.

“Questo ennesimo episodio non fermerà certamente questo processo di ristrutturazione aziendale avviato dalla nostra Amministrazione per garantire legalità e trasparenza nella struttura e sensibile miglioramento nel servizio offerto per il decoro urbano ai cittadini”.