Furti di auto, tre arresti a Cerignola. Inseguimento a Lesina

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

I carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno arrestato in flagranza per furto di autovettura tre soggetti in due episodi diversi. Nel primo caso è stata sottratta un’Alfa Romeo Stelvio a Molfetta.

Dotata di sistema Gps, il proprietario ha ricevuto subito sul suo smartphone l’allert della macchina in movimento e ha immediatamente chiamato il 112 comunicando di volta in volta i movimenti dell’autovettura.

Vedendo che la direzione era Cerignola, i militari della Stazione si sono mossi secondo le indicazioni dettate dalla Centrale Operativa, fino a quando hanno intercettato l’autovettura, il cui conducente stava parcheggiando in Vico III Melfi, l’hanno bloccato non appena è sceso dal veicolo.

L’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari come concordato con l’Autorità giudiziaria e la misura cautelare è stata confermata in sede di convalida.

Il secondo episodio ha visto una pattuglia della Sezione Radiomobile intercettare una Citroen C3 che si muoveva con fare sospetto e che alla vista dei Carabinieri si dava a precipitosa fuga in via Vecchia Napoli.

L’inseguimento è terminato quando l’autovettura è giunta a una curva molto stretta e l’autista ha perso il controllo schiantandosi su di un muretto per poi ribaltarsi. Sia autista che passeggero sono stati soccorsi da personale del 118 e ricoverati presso l’ospedale Riuniti di Foggia.

L’autovettura era stata asportata poco prima a Margherita di Savoia e i due occupanti sono stati dichiarati in stato di arresto per furto in flagranza. L’Autorità giudiziaria ha concordato in sede di convalida con gli elementi a carico dei due indagati che al termine delle cure mediche ancora in corso saranno sottoposti agli arresti domiciliari.

A Lesina, invece, la vittima del furto era appena uscita dall’auto, una Dacia Sandero, per aprire il garage lasciando le chiavi inserite nel quadro strumenti. In pochi istanti i malintenzionati, approfittando dell’assenza del proprietario impegnato a chiudere il cancello, sono saliti a bordo dell’autovettura e si sono dati alla fuga.

I Carabinieri allertati e di pattugliamento sul territorio, intuendo la direzione di fuga, si sono diretti a sirene spiegate verso l’uscita di Marina di Lesina costringendo, di fatto, i malintenzionati ad abbandonare l’auto e a darsi alla fuga.