Foggia, sorpresi a rubare auto: due arresti

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Continua l’azione di contrasto ai furti d’auto da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia. I militari della Sezione Radiomobile della Compagnia di Foggia hanno arrestato due soggetti originari del capoluogo, già noti alle forze dell’ordine, poiché sorpresi mentre stavano asportando un’autovettura in sosta in via Gioberti.

Poco prima erano giunte diverse segnalazioni alla locale Centrale Operativa circa la presenza di due giovani intenti ad aggirarsi tra le auto in sosta in vari punti della città e a forzare autovetture. I militari hanno raccolto informazioni sulle loro caratteristiche fisiche, accertando successivamente che i due avevano forzato e tentato di asportare ben tre veicoli.

Nel primo caso i due erano stati addirittura sorpresi dal titolare di un esercizio commerciale ubicato nelle immediate vicinanze il quale, al fine di scongiurare il furto, ha intimato loro di smetterla nel continuare nella loro condotta criminosa ma anziché desistere hanno inveito nei suoi confronti proseguendo come se nulla fosse accaduto.

Dopo accurate ricerche in una Foggia desolata a causa del primo week-end estivo, i carabinieri sono riusciti a sorprendere i due malviventi sul fatto, intenti a commettere un ulteriore tentativo di furto d’auto in via Gioberti. I due giovani, armati di strumenti da scasso, alla vista dei militari hanno tentato la fuga senza riuscire a dileguarsi.

Nel corso delle operazioni uno dei malfattori ha inveito nei confronti degli operanti quasi a volerli intimorire. I due indagati, al termine delle formalità di rito, sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Lecce, come disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.

L’Autorità giudiziaria, nel corso dell’udienza di convalida dell’arresto, ha disposto la custodia cautelare in carcere per colui il quale ha inveito nei confronti dei militari, mentre per l’altro indagato sono stati disposti gli arresti domiciliari presso la propria abitazione.