Niente sconti, è stato Rameta a piazzare la bomba al centro diurno ‘Il Sorriso di Stefano’

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

La Corte d’Appello di Bari ha condannato a 6 anni di reclusione Antonio Rameta, detto ‘Erjon’, perché giudicato colpevole dell’attentato compiuto il 16 gennaio 2020 a danno del centro diurno ‘Il Sorriso di Stefano’, a Foggia.

Il 34enne di origini albanesi con una “costante e spiccata tendenza a delinquere” aveva presentato ricorso avverso la condanna subìta in primo grado di giudizio, ma la Corte d’Appello l’ha respinto e confermato la precedente condanna che gli era stata inflitta dal Tribunale di Foggia.

Una pena “congrua e proporzionata alla notevole gravità del fatto criminoso e alla capacità a delinquere dimostrata dal reo – hanno affermato i giudici -, dimostrata in modo inequivocabile dalla stessa gravità della condotta oltre che dai precedenti penali comunque riconducibili all’imputato sotto diversi alias, anche per gravi reati come detenzione di droga e armi con recidiva già riconosciuta a suo carico, tenuto anche conto in particolare dei motivi delinquere, del contesto di criminalità organizzata in cui la condotta veniva eseguita e infine del grande allarme sociale che ne scaturiva nella comunità territoriale”.