Acquista online da un uomo di Foggia un 'Bimby' mai arrivato, per la Procura non è stata ingannata

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Quando aveva notato quell’annuncio sul marketplace di Facebook, si era detta che il prezzo era conveniente. Aveva perciò deciso di acquistare quel ‘robot’ da cucina in vendita a 600 euro, che aveva regolarmente versato, senza però ricevere mai l'agognato elettrodomestico.

Per questo aveva presentato una denuncia per truffa contro il venditore: un uomo di Foggia, nei confronti del quale la Procura ha però chiesto l'archiviazione, perché manca il mezzo fraudolento e perché ritiene che la vittima non sia stata ingannata.

E’ una storia sulla quale dovrà pronunciarsi il Gip Gelsomina Palmieri dopo l’opposizione della parte offesa, assistita dall'avvocato Cosimo Ciotta, alle conclusioni dell'ufficio inquirente. L'udienza è stata rinviata a novembre perché l'indagato è irreperibile.

E’ una storia di cui avrebbe fatto le spese una 29enne che vive in Abruzzo ma che all'epoca dei fatti era in vacanza a Melizzano (Benevento).

Non è la prima persona ad avere vissuto una simile disavventura, lei era stata attratta da quel messaggio sul social network nel quale veniva proposta la cessione di uno dei due 'Bimby' che l'inserzionista sosteneva di aver avuto in regalo.

La giovane aveva accettato di pagare l'importo attraverso una ricarica su una Postpay, ma l'attesa del prodotto era risultata vana. A quel punto aveva chiesto a un amico, poiché l'annuncio era ancora presente in rete, di contattare il venditore, per procedere all'acquisto.

La trattativa era stata avviata, poi l'interlocutore l’aveva troncata quando si era accorto che il nuovo cliente era amico della ragazza che aveva già sborsato il denaro.

Ecco perché la malcapitata si era rivolta ai Carabinieri, innescando una inchiesta di cui tra alcuni mesi si conoscerà il destino.

(fonte: ottopagine.it)