Tentò una serie di furti a Sulmona con altri complici, pena di cinque anni a 26enne cerignolano

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Era venuto a Sulmona (L’Aquila) per rubare un furgone, due auto e altri cinque mezzi parcheggiati in strada, insieme ad altri due compaesani, a un minore e a un altro soggetto rimasto ignoto.

Per quel raid notturno è arrivato il conto della giustizia per un 26enne di Cerignola che è stato condannato a cinque anni di reclusione e al pagamento delle spese al termine del processo celebrato con rito abbreviato davanti al giudice monocratico del Tribunale di Sulmona.

L’imputato, assieme ad altri due complici, era stato colto sul fatto mentre cercava di rubare un furgone Fiat Ducato forzandone il blocchetto di accensione con un particolare trapano manuale artigianale. Vistosi scoperto si era dato alla fuga arrivando anche a nascondersi sotto ad altre autovetture parcheggiate nei pressi ma i suoi sforzi sono stati vani poiché i carabinieri prontamente lo raggiunsero fermandolo sul posto insieme ad altre due persone che risultano indagate e saranno processate con rito ordinario.

I tre, sottoposti immediatamente a perquisizione sia personale che veicolare, furono trovati in possesso di ulteriori arnesi da scasso che hanno spinto i militari ad approfondire ulteriormente espletando indagini, anche attraverso i sistemi di videosorveglianza: è stato appurato che i tre avevano tentato poco prima di asportare altre due autovetture senza riuscirvi.

Complessivamente, gli specialisti dei furti d’auto agirono su otto veicoli con l’aggravante di aver commesso violenza sulle cose esposte. In un’occasione si impossessarono anche di un paio di occhiali da sole, una moneta da cento fiorini ungheresi e quattro monete da duecento fiorini. Una serie di furti o di azioni criminose che hanno portato il giudice a pronunciare (per il 26 enne) la sentenza di condanna a cinque anni di reclusione e al pagamento delle spese processuale.

I tre, all’epoca dei fatti, furono arrestati in flagranza di reato dal Nucleo radiomobile dei carabinieri dopo un rocambolesco inseguimento.

(fonte: ondatv.tv)