Detenuto si toglie la vita nel carcere di Foggia

La Nera
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Un giovane detenuto nel carcere di Foggia, sorvegliato a vista, si è suicidato all'alba durante il cambio di guardia.

Lo comunica il segretario generale del sindacato di Polizia penitenziaria Osapp, Pasquale Montesano, evidenziando che il detenuto, "straniero e presumibilmente affetto da patologie psichiatriche, è rimasto senza sorveglianza per pochissimi minuti" e "a nulla è valso l'intervento della Polizia penitenziaria drammaticamente ridotta per gli effetti della ormai nota carenza negli organici".

A Foggia, sottolinea Montesano, "c'è una carenza di almeno sessanta agenti" e "servono interventi immediati e tangibili da parte del Governo, con un decreto che affronti l'emergenza e la contestuale messa in campo di una riforma unitaria e strutturale dell'intero sistema". La Puglia - secondo i dati forniti dall'Osapp, "può ospitare a pieno regime strutturale 2.284 detenuti mentre allo stato ne ospita circa 3.500 e registra una carenza negli organici di 300 unita".