Manfredonia, progressisti Dem contro Rotice e la sua Giunta: "Confusi e imbarazzanti"

la Bianca
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Un fine settimana piuttosto movimentato per la Giunta Rotice che si è barcamenata sotto più fronti in questo ultimo periodo, passando dalla delicata questione della Tari (ci chiediamo ancora adesso cosa abbiano creduto di risolvere) al conferimento frettoloso di cittadinanza onoraria al 21 Reggimento Trieste di Foggia, violando probabilmente le disposizioni comunali inerenti al caso concreto".

A dirlo sono i consiglieri progressisti Dem che aggiungono: "La fretta di concludere, ci chiediamo poi concludere cosa e come soprattutto, fa brutti scherzi. Riteniamo sia il caso che si fermino e facciano un primo resoconto di quanto fatto fin ora per tentare di non incorrere quanto meno in errori grossolani e imbarazzanti che andrebbero oltremodo evitati.Tralasciando gli errori di distrazione e sbadataggine che vi vedono depositare ed approvare il DUP documento importante con punti ripetuti a ripetizione, sempre gli stessi… un refuso di stampa, che non possono passare inosservati, vi invitiamo a riflettere anche sull’annosa questione della Tari che vi ha visti paladini solo nei confronti delle famiglie numerose, quasi aveste dimenticato che rappresentano una percentuale residua dell’utenza, anche di quella in difficoltà".

"E poi…siete confusi anche nei cerimoniali - continuano - la fascia tricolore indossata dalla Presidente del Consiglio e poi passata ancora all’Assessore alle Politiche sociali, in barba alle disposizioni che regolano l’utilizzo dei simboli importanti di un organo amministrativo, quale appunto la fascia tricolore. Ci si sarebbe aspettato che il nostro Sig. sindaco delegasse per questo ruolo nell’importante celebrazione del 2 Giugno, l’assessore maggiormente suffragato, ormai sempre più assente ed è facile intuirne i motivi.
Sono tempi di confusione per la nostra Giunta, e siamo solo all’inizio".

"Assistiamo a situazioni imbarazzanti e al limite del tragicomico che non possono che farci riflettere. Si perché il Capo di un’Amministrazione comunale, deve anche scegliere ragionevolmente chi portare con sé negli incontri istituzionali, come quello con l’europarlamentare Lucia Vuolo, e se questa scelta ricade sulla compagna e sul nipote, definiti in tale circostanza rappresentanza dell’amministrazione, ci si deve aspettare nuove nomine? Quando? Ecco sig. Sindaco noi la invitiamo a fermarsi, a riflettere sul percorso fatto fino ad ora, per cercare di fare meglio, o quanto meno di fare ma nel concreto, perché ad oggi, lo spettacolo non né proprio dei migliori".