Avvertimenti e insulti alla vicedirettrice de l'Attacco: solidarietà dal Sindaco Bonito, M5S Foggia e Manfredonia

la Bianca
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

Sono arrivati attestati di solidarietà e stima nei confronti della nostra vicedirettrice Lucia Piemontese dopo la comparsa di frasi volgari, sessiste e intimidatorie nei suoi confronti.

“Potremmo dire che la stampa non si tocca, potremmo esercitarci nelle citazioni di Voltaire, potremmo assurgere ad esempio Siani, Alpi, Impastato. Potremmo farlo, ma siamo nella provincia di Foggia, dove le parole non bastano più. Esprimo prima di tutto gratitudine a Lucia Piemontese per il lavoro che quotidianamente svolge: non è semplice, in questa fetta di sud, fare certi nomi e cognomi. Lo so bene: da ex magistrato, da sindaco, da cittadino. Non è assolutamente facile farlo nella città in cui si vive, nella Provincia che si frequenta, dove si hanno amicizie, affetti, interessi”.

Così il primo cittadino di Cerignola Francesco Bonito ha espresso la sua vicinanza alla vicedirettrice de l’Attacco Lucia Piemontese.

“Eppure, come Piemontese, c’è chi lo fa pagando un prezzo alto. Esprimo la mia personale solidarietà a Lucia Piemontese per gli attacchi subiti in questi giorni, per le scritte comparse sotto casa sua, per gli avvicinamenti e per le parole in libertà di chi tenta di delegittimarla anche da un punto di vista personale, oltre che professionale”.

“Il canovaccio di certi apparati, e dei terminali politici che lo rappresentano, è sempre lo stesso: delegittimare, calunniare, infangare la reputazione di chi denuncia per depotenziarne il messaggio, il contenuto, l’azione quotidiana. Lo si faceva nella Sicilia degli anni 90, quando sembrava ci fossero più morti per scappatelle extraconiugali che per Mafia; lo si fa nella Capitanata degli anni 2000, come Piemontese ben sa avendo raccontato gli scioglimenti per infiltrazioni mafiose dei principali comuni della nostra Provincia”.

“A Piemontese e alla redazione de l’Attacco giunga la solidarietà dell’amministrazione comunale di Cerignola. E sarei lieto di avere presto Lucia ospite nella nostra città”.

Il Movimento 5 stelle della provincia di Foggia esprime “massima solidarietà e vicinanza alla giornalista Lucia Piemontese dopo le frasi volgari e sessiste scritte contro di lei in questi giorni sui muri di Manfredonia”.

“Siamo certi che Lucia e tutto il giornale l’Attacco continueranno con ancora più forza e impegno nel loro prezioso lavoro d’inchiesta che svolgono tutti i giorni e per cui li ringraziamo. Nella giornata internazionale per la sensibilizzazione della libertà di stampa, prendere posizione è ancora più doveroso. Il diritto all'informazione e alla libertà oltre ad essere un principio costituzionale, è soprattutto un valore da difendere e tutelare, e i primi a doverlo fare siamo noi politici. Abbiamo bisogno di giornalisti liberi e coraggiosi, e Lucia lo è, e per questo non sarà mai sola”.

“Gli attacchi nei confronti della giornalista Lucia Piemontese, nostra encomiabile cittadina, sono indice della pochezza culturale di troppi nostri concittadini. La ‘colpa’ di Lucia è quella di parlare di criminalità organizzata, non facendo opinionismo, ma semplicemente mettendoci al corrente del fatto che c’è una guerra in atto tra istituzioni e mafie di cui ci interessiamo sempre meno”. Così il Movimento 5 Stelle di Manfredonia.

“Le determine, le note e i provvedimenti dei tribunali servono a poco se non vengono spiegate a parole povere all’opinione pubblica. Si può essere criticati per le opinioni o i punti di vista, ma i fatti – che testimoniano l’impegno professionale dei giornalisti per vocazione – non devono essere oggetto di mistificazione e/o offese gratuite. Addirittura da queste parti riusciamo anche a condirle con del sessismo che non fa onore a chi vuole costruire una comunità migliore. Solidarietà, quindi, a Lucia e chi come lei ci dà ogni giorno una lezione di coraggio per la quale dovremmo dire solo grazie”.