Emergenza cinghiali, Comunità del Parco del Gargano chiede tavolo tecnico con Regione Puglia e tutte le istituzioni

la Bianca
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times

“La presenza pervasiva e indiscriminata di cinghiali sul territorio garganico, deve ormai considerarsi vera e propria emergenza”, scrive il presidente della Comunità del Parco del Gargano,

Rocco Di Brina, al presidente regionale Michele Emiliano e all’assessore all’Agricoltura, Donato Pentassuglia.

“Sono decine, ogni mese, le segnalazioni che giungono all'indirizzo nostro e dei nostri assessori, da parte di agricoltori e imprenditori stremati e scoraggiati dall'assenza di misure che contengano il propagarsi di questa "piaga", che si aggiunge a pregiudizio anche della pubblica incolumità e della sicurezza stradale”.

“E' di ieri, infatti, la tragica notizia dell'ennesimo incidente causato dalla presenza di ungulati sulla SS 693, nel quale ha perso la vita uno dei più conosciuti, energici e illuminati imprenditori dell'agro-alimentare garganico. Un evento che ha provocato dolore alle nostre comunità e che si aggiunge ad altri accadimenti analoghi degli anni addietro”.

“Nella necessità di fermare questo susseguirsi di tragedie e dare risposte ormai improrogabili al comparto agricolo di questo territorio, già martoriato da ben altre e note problematiche, chiediamo, d'intesa con il Presidente dell'Ente Parco nazionale del Gargano, prof. Pasquale Pazienza, che con urgenza si tenga un tavolo politico-tecnico nel quale Regione Puglia, Parco Nazionale del Gargano e le altre istituzioni competenti possano confrontarsi al fine di assumere celeri e precisi impegni nel fermare l'incontrollata presenza dei cinghiali sul Gargano”.