Contenzioso Teatro Giordano, Cavaliere: "Parte della documentazione esibita non racconta la verità "

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
"Dopo anni di omissioni e di colpevoli silenzi da parte dell'amministrazione Landella, evidentemente finalizzati a un illegittimo riconoscimento milionario all'impresa esecutrice, una prima verità  viene finalmente a galla nei pareri espressi dal Servizio Avvocatura e dal Segretario Generale del Comune di Foggia: parte della documentazione esibita in tribunale e che ha consentito a un giudice di emettere un decreto ingiuntivo e a un altro giudice di assentire a una procedura di conciliazione, omette di dire la verità ". Lo afferma in una nota il consigliere comunale Pippo Cavaliere. "Una verità  ben nota all'amministrazione Landella, in quanto fedelmente rappresentata prima dal dirigente del Servizio LL.PP. in una proposta di deliberazione, mai adottata, e poi dal consigliere comunale Giuseppe Mainiero nell'ambito di più interrogazioni. In tutta risposta l'amministrazione comunale, incurante delle indicazioni ricevute, ha reiterato al consiglio comunale proposte di transazione milionarie, che costerebbero ben 1,7 milioni di euro alle tasche dei cittadini foggiani, sebbene privati per lunghi anni del prezioso Teatro Giordano. A seguito degli approfondimenti eseguiti in sede di commissione consiliare, il Servizio Avvocatura e il Segretario Generale hanno espresso parere sfavorevole a ogni ipotesi di transazione. "Ma ora il sindaco dovrebbe dare spiegazioni alla cittadinanza di queste gravi omissioni che avrebbero comportato uno sperpero di denaro pubblico, a una cittadinanza che reclama per le strade dissestate, per una città  al buio, per l'abbandono delle periferie lasciate sempre più al loro destino, ai tanti giovani che reclamano un futuro ed un progetto per la città . Più volte ho invitato il sindaco Landella ad un confronto pubblico sull'annosa vicenda, dal quale si è sistematicamente sottratto". "La vicenda getta un'ombra a dir poco oscura sull'attività  dell'amministrazione che, mai come in questo momento e per svariate ragioni, dovrebbe invece fare della trasparenza la sua stella cometa. Ma evidentemente, sempre con riferimento all'affaire Teatro Giordano, siamo ben lontani da questa volontà  e consapevolezza".