Maia Rigenera, la famiglia Montagano si affida all'avvocato Giulia Bongiorno: "Difenderemo il nostro onore"

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
"Abbiamo dato mandato all'avvocato Giulia Bongiorno di assisterci nel procedimento penale nato dall'erronea valutazione secondo cui la famiglia Montagano avrebbe gestito un'attività  che avrebbe prodotto 'ammendante fuori specifica', di conseguenza classificato come rifiuto da conferire in discarica". Lo annuncia in una nota, anticipata già  ieri su lattacco.it, la famiglia Montagano. "Siamo certi che emergerà  l'assoluta correttezza del nostro operato e che sarà  fatta chiarezza sulle accuse ingiustamente avanzate nei confronti della nostra famiglia e dell'azienda di compostaggio Maia Rigenera srl di Lucera. Tanto più ingiustamente perchè le accuse hanno avuto gravi ripercussioni - mediatiche ed economiche - anche su tutto "˜il territorio della Capitanata e sull'indotto legato all'agricoltura e alle eccellenze agronomiche locali. Non possiamo permettere che il nostro nome e la nostra terra siano infangati". "Chi ci conosce, conosce anche la nostra integrità  morale e l'impegno con cui dal 1979 lavoriamo dando lustro con le nostre aziende agroalimentari non solo alla famiglia Montagano ma alla Capitanata intera. Le accuse di cui siamo stati vittime hanno dunque offeso anche le centinaia di agricoltori che da anni utilizzano il concime organico prodotto dall'azienda di compostaggio Maia Rigenera ottenendo eccellenti risultati agronomici; e insieme agli agricoltori, hanno offeso la Capitanata stessa". "Non c'è di peggio dell'essere accusati di fatti del tutto estranei al proprio modo di operare, ma confidiamo che l'avvocato Bongiorno ci aiuterà  ad ottenere giustizia. Siamo sereni, e fiduciosi che - quando con l'assistenza dell'avvocato Bongiorno sarà  emersa la verità  - usciremo a testa alta da questo incubo2. "Si ringraziano i difensori uscenti - gli avvocati Giuseppe Mastrangelo, Michele Vaira e Francesco Paolo Sisto del Foro di Bari - per le attività  difensive svolte sino a oggi, che hanno portato al dissequestro delle aziende agroalimentari di proprietà  della famiglia Montagano nei comuni di San Severo, Torremaggiore e San Paolo di Civitate, nonchè gli alberghi sul Gargano e la spiaggia in Peschici con il suo ristorante Baia dei Trabucchi, da oggi finalmente operativo". "Dimostreremo che l'impianto accusatorio muove da ipotesi del tutto slegate dalla realtà  e che l'ammendante della Maia Rigenera è un ottimo concime organico a norma di legge, un fertilizzante naturale che rigenera i terreni agricoli nel rispetto dell'ambiente. àˆ in gioco l'onore di un territorio e delle sue eccellenze, oltre che quello della nostra famiglia, e con aiuto dell'avvocato Bongiorno lo difenderemo".