Anche l'Aiga Foggia in piazza a Roma a sostegno della giovane avvocatura

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
L'associazione italiana giovani avvocati ha organizzato una manifestazione nazionale per l'effettiva ripartenza della Giustizia stamattina in Piazza di Montecitorio a Roma.
E' stata chiesta a gran voce la ripartenza della Giustizia.
Un centinaio gli avvocati, questi i numeri autorizzati in ragione delle norme in vigore, provenienti da tutta Italia e che in toga, dinanzi alla sede del Parlamento, hanno rappresentato le ragioni per cui l'avvocatura tutta chiede una rapida ed effettiva ripresa delle attività  giudiziarie.
La Sezione Aiga di Foggia ha preso parte alla manifestazione con una delegazione composta da nove membri del Direttivo.
Oltre al Presidente, Mario Aiezza, erano presenti il Vicepresidente Anna Lops, il Segretario Simona Lafaenza, il Past Presidente e Consigliere dell'ordine degli Avvocati di Foggia Valerio Vinelli, Savino Bonito, Francesca Marino, Mariantonietta Merlicco, Alessia Cifaldi e Mario Valentini.
"La massiccia presenza a Roma della Sezione Aiga di Foggia - afferma il Presidente Mario Aiezza - è segno tangibile della volontà  della giovane Avvocatura di Capitanata di tornare nelle aule di Tribunale per l'affermazione dei diritti dei cittadini, oltre che per la tenuta stessa della nobile professione forense".
"Il Paese, da settimane ormai, è ripartito. àˆ ora che riparta la Giustizia - dichiara la rappresentanza di Aiga Foggia presente a Roma - non sussistendo più le ragioni ostative che ne determinavano uno stallo ormai divenuto intollerabile".
"Apprendiamo con favore - conclude il Presidente - dell'emendamento approvato ieri al Senato con cui si prevede la riapertura dei Tribunali il 30 giugno ma che tuttavia nulla ancora dispone circa la piena ripresa dell'attività  delle cancellerie, per le quali è prevista ancora la fase di Smartworking. L'auspicio è che anche a seguito dell'odierna manifestazione tale annunciata ripresa possa essere effettiva e, alla luce degli odierni dati sanitari, persino anticipata rispetto alla data del 30 giugno ad oggi indicata quale start line della Fase 2 della Giustizia".