Dattoli ascoltato dalla III Commissione sul concorsone Oss. M5S: "Troppi gli errori commessi"

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
àˆ stato ascoltato in Commissione Sanità  il direttore degli Ospedali Riuniti di Foggia Vitangelo Dattoli, in merito allo stato delle procedure relative al concorso per Operatori socio sanitari (Oss). Il presidente della Commissione Pino Rimano ha accolto la richiesta avanzata dal consigliere Francesco Ventola (FdI), ritenendola anche lui estremamente necessaria, al fine di fare chiarezza sui criteri di valutazione e attribuzione dei punteggi per evitare ricorsi e fugare ogni tipo di opacità  regolamentare.
Dopo averla sbloccata per la seconda volta nel giro di un mese, la graduatoria è ancora oggetto di polemiche, per aver attribuito un punteggio errato rilevato sul conto di numerosi candidati. Dovrebbero essere 2165 gli Oss assunti tra personale interno e posti esterni nel primo anno, tramite il concorso la cui organizzazione fu affidata dalla Regione al Policlinico di Foggia che ha dovuto gestire in modo non semplice, non solo le migliaia di domande (23 mila le domande presentate per 3449 posti nell'ambito del triennio), ma anche la notevole discrezionalità  delle risposte dei candidati sull'attribuzione dei titoli. Infatti diverse centinaia di partecipanti si sono visti modificare il punteggio riconosciuto ai titoli e al servizio nelle fasi intermedie del concorso, tanto da scivolare in posizioni più basse. Il che ha costretto la governance del Policlinico di Foggia a rivedere il tutto. Il direttore Dattoli ha detto che è stato necessario effettuare ulteriori verifiche sui titoli perchè i candidati forse per disinformazione, si sono accreditati esperienze professionali che non avevano, riferendosi soprattutto a coloro che avevano svolto servizio nelle Case di cura invece che in una RSA o RSSA che assegna un punteggio diverso. La Regione e il Policlinico in tal senso si sono già  espresse dicendo che in sede di verifica ed accertamento documentale dei soli titoli di servizio e del requisito specifico di ammissione al concorso (attestato Oss), si possano determinare modifiche delle posizioni di merito all'interno della graduatoria che vanno accertate per scongiurare illegittime assunzioni agli uffici pubblici.
Dattoli ha aggiunto che siamo alla stretta finale in quanto si è deciso di chiedere entro il 7 maggio, a coloro che si trovano nella graduatoria finale di opzionare la sede di servizio, di produrre la certificazione INPS dei servizi realmente prestati e di segnalare richieste di chiarimenti su ulteriori dubbi emergenti. Al momento sono arrivate già  1500 opzioni e molti di questi stanno ammettendo di essere entrati in errore e di conseguenza scorrono in graduatoria declassando la loro posizione. Va detto che stanno giungendo richieste di implementazione del fabbisogno da parte delle Asl e da parte di altre Regioni meridionali come la Campania e la Sicilia la richiesta di procedere ad una convenzione per l'utilizzo degli idonei in graduatoria.
Nel corso dell'audizione il dg Dattoli ha dato delle risposte ai quesiti avanzati dai consiglieri.
In particolare, in merito alla questione dei dipendenti della Sanitaservice sollevata dal consigliere Conca, è stato chiarito che non è stato possibile parificarli al dipendente pubblico in quanto è stata applicata rigorosamente la norma statale. In merito al chiarimento avanzato dal consigliere Zullo attinente alla valutazione dei titoli non ritenuti tali per i soggetti alle dipendenze delle RSA convenzionate, Dattoli ha specificato che la legge statale destina una quota del 25% al pubblico solo per coloro che lavorano nelle Case di Cura perchè assimilate più vicine alle attività  al pubblico. Di conseguenza in Puglia strutture di tale portata sono in tutto 25. Da parte del consigliere Galante è stata sollevata l'opportunità  di chiedere un ulteriore parere legale rispetto a quello già  chiesto dal Policlinico di Foggia sull'attribuzione del punteggio per i titoli conseguiti, considerata la disparità  di valutazione dei titoli a parità  di condizioni dei partecipanti al concorso e per evitare l'annullamento dell'intera procedura. A tal proposito il dg Dattoli ha precisato che è stata fatta chiarezza sul punteggio dei titoli e data la possibilità  anche di correggerli in corso d'opera e che il parere del legale non è stato vincolante ma consultivo, ma soprattutto in relazione alla valutazione dei titoli è stata fatta in prima battuta sulla base delle autocertificazioni così come prevede la normativa e che i titoli cartacei possono essere chiesti da una amministrazione pubblica solo in fase sottoscrizione contrattuale.
"Le risposte date oggi in audizione dal direttore degli Ospedali Riuniti di Foggia Dattoli sugli errori commessi nel bando e nella gestione del concorso per OSS non ci soddisfano affatto. E la complessità  del concorso non giustifica gli sbagli: se è stato richiesto un parere a valle dell'espletamento della procedura è perchè ci si è resi conto non tutto fosse stato scritto chiaramente, lasciando spazio a dubbi e interpretazioni. E cosa dire del fatto che mentre in una Faq il Riuniti affermava che il servizio prestato alle dipendenze di SanitaService desse diritto alla riserva, oggi afferma che detto servizio non merita alcuna attribuzione di punteggio? Per questo suggeriamo di rivedere anche la graduatoria pubblicata lo scorso 4 aprile, che riteniamo non possa essere definita, come oggi sorprendentemente è stata definita dal direttore Dattoli, provvisoria e richiedere un secondo parere pro veritate dopo quello già  chiesto all'avvocato Ranieri, dal momento che in un altro contenzioso in cui rappresentava la Asl, relativo proprio a questo bando, lo stesso legale sosteneva la non equiparazione dell'esperienza in SanitaService a quella maturata in una struttura pubblica. Ovviamente in questo caso il suo parere non si poteva discostare da quanto affermato in precedenza nel corso del giudizio". Lo dichiarano i consiglieri del M5S in seguito all'audizione in III Commissione sul Concorso per OSS bandito dagli Ospedali Riuniti di Foggia, in cui il consigliere Marco Galante, componente della Commissione, ha posto una serie di domande al Dg Dattoli.
"Per quanto riguarda i titoli - continuano i pentastellati - sono stati depositati alla prova orale, quindi anche qui non si comprende perchè detti titoli non siano stati visionati prima della predisposizione di ben due graduatorie. Anche aver rivisto il numero dei posti messi a bando dai 2445 iniziali ai 2149 definitivi può essere motivo di annullamento dell'intera procedura. Riteniamo sia necessario rivedere tutti i titoli. Per evitare che venga annullata tutta la procedura bisogna fermarsi e rivedere tutti i punteggi che sono stati assegnati: ancora oggi ci arrivano numerose segnalazioni sulle disparità  di punteggio tra chi ha gli stessi requisiti, stessa tipologia di lavoro svolto e stesso datore di lavoro, ma con punteggi diversi. Serve la massima chiarezza per garantire per primi gli stessi vincitori".