Dimissioni Petruzzelli, FdI Cerignola: "Via altro assessore, mentre volano gli avvisi di garanzia"

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
"Liana Petruzzelli aggiunge il proprio nome ai 6 degli assessori che si sono dimessi dal 2015. Anche stavolta non è dato sapere le ragioni del fatto, ma tra Giunta e Consiglio Franco Metta perde pezzi. Siamo curiosi di vedere chi sarà  la prossima donna (necessaria per mantenere le quote di genere) che accetterà  prima di fare l'assessore e poi, bene che vada, di doversi dimettere. E di vedere come finiranno queste indagini in corso". Lo comunica il circolo territoriale di Fratelli d'Italia di Cerignola. "Domenica Albanese, Giuliana Colucci, Pia Zamparese, Antonio Lionetti, Anna Lisa Marino, Tommaso Bufano. E ora Petruzzelli, che aveva preso il posto proprio della dirigente scolastica Colucci - si legge nel comunicato -. In Consiglio, persi Teresa Lapiccirella, Antonio Bonavita e Vincenzo Specchio, in tanti vorrebbero abbandonare la nave, ma si accorgono di essere legati col cappio al collo. Si va avanti contando sull'accondiscendenza di una certa opposizione, che ora anche sull'altare della Provincia continua a sostenere il sindaco, senza pudore". "Le ragioni di quanto accade non si sanno - evidenzia il circolo FdI ofantino -. Mai. D'altro canto dopo le perquisizioni della Guardia di Finanza il 18 dicembre il sindaco aveva detto che era tutto ok. E invece poi è arrivato un avviso di garanzia, seguito da dimissioni. E noi chiediamo ancora senza risposta perchè Bufano sia sotto indagine: è passato col rosso? Aveva bagagli troppo pesanti per l'imbarco? Non ha pagato la Tari? Ha preso troppe multe dai Vigili? I cerignolani dovrebbero sapere perchè un assessore si dimette dopo le perquisizioni mentre si indaga. Così come apprendiamo soltanto dal Tg Norba che pure il sindaco sarebbe sotto inchiesta per concussione, presunte tangenti nella faccenda Udas basket". "Eppure delle indagini, quelle della commissione che deve verificare infiltrazioni mafiose, si parla ogni giorno - sottolineano i meloniani -. Il sindaco raddoppia le strisce informative e ci dice tutto. Tutto quel che vuole farci sapere e a modo suo. Lui è avvocato, anche se ora non è più questo il suo ruolo, e conosce le carte di cui ci parla. Noi non le abbiamo. E taciamo. Certo, non ci basta sapere che lui riesce a guardare negli occhi sua madre o che preghi la Madonna di Ripalta per minimizzare tutto". "Da mesi - aggiungono - chiediamo ripetutamente chiarezza su appalti a vario titolo discutibili: gestione della villa comunale e di Palazzo Fornari, ampliamento del cimitero, manutenzione del verde, spacchettamenti sotto soglia dei lavori al Comune, palasport. Attendiamo, rispettosi e garantisti. Un rispetto per indagini ed istituzioni che il sindaco dimostra di non avere. Restiamo certi che non sia proficuo banalizzare, spiegare le attenzioni degli inquirenti come se si stesse parlando di vizi procedurali sugli atti: la commissione cerca altro. E frattanto, persa pure l'assessore Petruzzelli, chissà  ora a chi toccherà ", conclude il gruppo di Fratelli d'Italia.