VIDEO | Attentato ad un'auto dell'associazione Civilis, ecco le immagini del malvivente in azione. Su cui pende una taglia da mille euro

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
Manfredonia, grave attentato incendiario la notte scorsa all'auto di servizio di proprietà  della Civilis, Ispettori Ambientali Territoriali del Corpo Volontari Civilis Endas. L'auto, parcheggiata nello stallo riservato alla via delle Cisterne 38 presso la sede associativa, è stata incendiata da un uomo (come da video e foto), intorno alle 22:30 circa. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per le operazioni di spegnimento delle fiamme, mettendo la zona in sicurezza. Chiara la matrice dolosa.Sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia e Comando Stazione di Manfredonia. Il Presidente Nazionale Civilis Giuseppe Marasco ha dichiarato: "Credo nella giustizia e aspetto che gli investigatori verifichino le immagini della videosorveglianza della nostra sede utili a risalire all'identità  dell'uomo responsabile. Manfredonia è città  mafiosa e delinquenziale anche con collegamenti a livello politico. Chiedo al Ministro dell'Interno, al Prefetto di Foggia e al Procuratore Capo della Repubblica di intervenire con sinergia a Manfredonia per eliminare questo cancro, altrimenti la nostra città  non potrà  mai rinascere, chiedo alle aziende produttive e ai cittadini di sostenermi, per la continuità  nella battaglia di legalità . Non è la prima volta che assistiamo a episodi di insensata violenza, ma questo vile atto è senza precedenti e non deve essere sottovalutato. Ringrazio i nostri volontari e i nostri dirigenti che, nonostante l'accaduto, proseguiranno l'attività  quotidiana in supporto alle istituzioni nel rapporto con le persone, le associazioni, nella tutela dell'ambiente e del territorio e del mare, nonchè nell'azione di contrasto all'illegalità ". E ancora, l'associazione ha promesso mille euro a chiunque fornirà  indicazioni utili ad acciuffare l'attentatore, inchiodato dalle telecamente. "In qualità  di Commissario LEGA Manfredonia - ha fatto sapere l'avvocato Maria morelli - esprimo a nome di tutto il gruppo LEGA di Manfredonia e della Segreteria Provinciale LEGA, profonda solidarietà  al "nostro" Giuseppe Civilis Marasco per il vile gesto subito, confidando nella giustizia e nelle forze dell'ordine tutte.
Il Partito Democratico di Manfredonia esprime profonda preoccupazione per il vigliacco atto intimidatorio di cui è stata vittima l'associazione "Corpo Nazionale Civilis Engea - guardie ecologiche ambientali - ittiche zoofile" e che ha visto il danneggiamento anche di un veicolo di proprietà  di cittadini privati. L' incendio in pieno centro cittadino, che ha parzialmente distrutto il veicolo donato dall'Amministrazione Comunale nel 2015 per rinnovo parco veicoli, rimesso a nuovo dai volontari della Civilis e benedetto dalla nostra guida pastorale il compianto Mons. Castoro, ha dimostrato ancora una volta una recrudescenza della criminalità  e la spregiudicatezza nel compiere atti criminali ad orari in cui per strada passeggiano cittadini ignari, come si nota dai video diffusi dal Sig. Marasco Giuseppe. Il Partito Democratico di Manfredonia si schiera senza se e senza ma accanto agli uomini e alle donne delle Forze dell'ordine che quotidianamente operano sul nostro territorio e chiede sia fatta piena luce sul grave episodio che scuote la nostra già  provata comunità . Ai volontari della Civilis e ai proprietari della seconda autovettura coinvolta nell'incendio va tutta la solidarietà  della comunità  democratica di Manfredonia.