Tribunali, gli avvocati garganici chiedono la riapertura della sede di Rodi: "E' un diritto dei cittadini"

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
Il Gruppo Interparlamentare per la riforma della geografia giudiziaria, riunitosi presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio di Roma, ha ospitato magistrati, cancellieri e avvocati in pubblica audizione. La discussione ha interessato l'annoso problema dei presidi di giustizia dopo la riforma che di fatto ha chiuso anche il Tribunale di Lucera e la sezione distaccata di Rodi Garganico. Le ragioni di una necessaria e urgente riapertura della sede soppressa di Rodi Garganico sono state spiegate e illustrate dal presidente dell'Associazione Avvocati Garganici Gianni Maggiano e da Alfredo Ricucci, sempre più impegnati nella lotta per il riconoscimento "di un legittimo diritto delle popolazioni garganiche a un tribunale di territorio, presidio non solo di giustizia ma baluardo di legalità  e di presenza palese dello Stato". "Abbiamo partecipato tutte le nostre istanze - commenta Maggiano - e abbiamo ricevuto rassicurazioni e la promessa di una visita sul Gargano da parte dei parlamentari che intendono rendersi conto personalmente dei punti di criticità  evidenziati, tali da giustificare la riapertura di un ufficio giudiziario ministeriale. Mi riferisco chiaramente alle distanze, all'orografia del territorio, alla situazione dei trasporti pubblici e delle vie di comunicazione oltre al non più procastinabile intervento risolutivo del problema legato al pianeta giustizia".