Aggressione a Cerignola, Cicolella: La città ha bisogno di uno sceriffo che alzi la voce di fronte a queste bestialità

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
Cerignola non ha bisogno di sceriffi%u2026 diceva qualcuno. No, non sono d'accordo
"Cerignola non ha bisogno di sceriffi, diceva qualcuno. No, non sono d'accordo". Inzia così il commento sulla sua pagina facebook Teresa Cicolella, ex consigliera comunale in forza al PD, a seguito dell'ultimo increscioso episodio avvenuto a Cerignola. Un pestaggio in pieno centro, di notte, che ha coinvolto più ragazzi.
"Cerignola ha bisogno di uno sceriffo che alzi la voce di fronte a queste bestialità;
Cerignola ha bisogno di uno sceriffo in grado di imporre alle massime Istituzioni l'elevazione a primo livello dell'attuale commissariato;Cerignola ha bisogno di uno sceriffo in grado di garantire la sicurezza di tutti i cittadini;Cerignola ha bisogno di uno sceriffo in grado di riportare un minimo di civiltà in una comunità che vede ormai la criminalità infiltrarsi sempre più all'interno del tessuto sociale;Cerignola ha bisogno di uno sceriffo in grado di affrontare a muso duro le ( poche) bestie che quotidianamente infangano il nome della nostra città.
Uno Sceriffo a Cerignola serve al fine di evitare che un'altra famiglia, al pari di quella di Donato Monopoli, pianga la perdita del proprio figlio.Intanto il ragazzo, persona per bene e figlio di persone per bene, senza il papà (Avvocato) scomparso 5 anni fa, attualmente ricoverato a San Giovanni rotondo con frattura orbitale, rischia seriamente di perdere un occhio.Se è vivo è solo grazie al tempestivo intervento di una delle tante persone perbene della nostra città. Cerignola merita di tornare a vivere".