Presenza e continuità: la ricetta dell'Aiga Foggia per il 2021

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
"Due anni fa iniziava per me una sfida affascinante, avvincente, difficile: la presidenza della sezione Aiga di Foggia, una realtà che nel panorama forense locale, da oltre dieci anni, era presente con costanza, competenza, professionalità, passione, determinazione, innovazione".
Due anni fa iniziava per me una sfida affascinante, avvincente, difficile: la presidenza della sezione Aiga di Foggia, una realtà che nel panorama forense locale, da oltre dieci anni, era presente con costanza, competenza, professionalità, passione, determinazione, innovazione. Una realtà che nel panorama forense nazionale rappresenta, senza dubbio, da oltre mezzo secolo, un punto di riferimento per la giovane avvocatura, e non solo. Comprensibile, dunque, l'ansia da prestazione. Oggi, a due anni dall'elezione, posso dire di essere soddisfatto. Sono le parole rilasciate dal presidente dell'Aiga Foggia Mario Aiezza, e riprese anche da un posto sulla sua pagina Facebook, a due anni dall'elezione che lo ha portato a guidare la sezione foggiana dell'associazione italiana giovani avvocati.

Questa esperienza, non c'è dubbio, richiede impegno, sacrificio, tempo sottratto alla propria vita privata, costanza, dedizione. Questa esperienza, però, ti ripaga con la condivisione, con gli incontri, con le amicizie, con gli attestati di stima, con la fiducia del meraviglioso gruppo, al netto di qualche fisiologica alternanza, che da due anni mi onoro di presiedere. Una squadra, quella di Aiga Foggia, che in due anni ha offerto al Foro innumerevoli eventi formativi, taluni dei quali di spessore elevatissimo, con sale gremite in ogni ordine di posto. Una squadra che si è pesata nelle scorse elezioni per il rinnovo del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati. Una squadra che nel rispetto dei ruoli di ciascuna Istituzione ha sempre cercato di essere al fianco dei Colleghi per raccogliere le criticità del nostro Tribunale e per elaborare soluzioni. Una squadra che ha cercato anche di dialogare con la Città, in ragione di quella funzione sociale dell'Avvocatura che ha cercato a più riprese di veicolare.

Il 2020 è stato un anno travagliato, in cui ci siamo dovuti reinventare, come del resto la maggior parte dell'avvocatura, con la possibilità di organizzare eventi da remoto, cercando di fatto di essere virtualmente presenti e rappresentare un chiaro punto di riferimento per i colleghi attraverso tutti i canali disponibili al momento. Speriamo di esserci riusciti continua a l'Attacco certo la volontà è quella di tornare ad una sorta di normalità anche per le attività dell'associazione. Sarebbe bello ritornare ad organizzare incontri fisici, chiaramente preferibili e di altro impatto rispetto a quelli online. Veri e propri luoghi di incontro, di scambio di idee e di crescita. In questi mesi abbiamo cercato di esser presenti quanto più possibile l'interno del Tribunale raccogliendo le criticità esistenti, interloquendo con Istituzioni, Tribunale, Consiglio dell'Ordine e ovviamente con le altre associazioni presenti allo scopo di individuare nell'interesse di tutti, possibili soluzioni affinché questa professione potesse essere posta nel migliore dei modi.

Sulle principali sfide che l'anno appena trascorso ha posto in essere nei confronti della professione Aiezza non ha dubbi: Quella di continuare ad esserci. È venuta meno la possibilità di fare qualsiasi cosa, è stato necessario reinventarsi in tempi molto stringenti. Da qui la necessità di dimostrare e far sentire sempre e comunque la nostra presenza. È forse stata questa la principale sfida che ci ha riservato il 2020.

In questi mesi l'Aiga ha organizzato diversi incontri online di formazione e chiarimento in merito anche a possibili curiosità e difficoltà riscontrate tra i professionisti durante la pandemia. Il coronavirus, infatti, ha reso difficoltoso e a tratti quasi impossibile il normale svolgimento dei processi anche per la chiusura degli uffici preposti. Intanto sul 2021 Aiezza ha risposto: Il presupposto e l'obiettivo dell'anno scorso sarà la nostra priorità anche per quest'anno ha confermato. Non ci siamo mai fermati e non lo faremo di certo ora. Già questo giovedì avremo un importante evento online dedicato ai nuovi orizzonti della previdenza forense. Un incontro che interessa l'avvocatura nel suo complesso. Si parlerà di ammortizzatori sociali per i professionisti, pensione contributiva per gli avvocati. Come ripartiremo nel 2021? - conclude - nel segno della continuità e con la speranza di poter al più presto ritornare a fare eventi dal vivo e a ricontrarci più spesso fisicamente.

Mauro Pitullo