Il TAR respinge il ricorso del Foggia Calcio dei Sannella

I Grandi Processi
Carattere
  • Più Piccolo Piccolo Medio Grande Più Grande
  • Predefinito Helvetica Segoe Georgia Times
Il TAR respinge il ricorso del Foggia Calcio dei Sannella
TAR del Lazio, a distanza di 18 mesi, si è pronunciato sul ricorso del Foggia Calcio dei fratelli Sannella contro la Lega di serie B che, con delibera del 19 maggio del '19 escludeva il Foggia dai play out, evitando alla Salernitana gli spareggi per la retrocessione. Con la sentenza del 21 dicembre scorso è stato respinto il ricorso non nel merito, ma per una sopravvenuta "carenza d'interesse" in quanto nelle more del ricorso il Palermo, in un primo momento retrocesso dal Tribunale Federale all'ultimo posto della graduatoria, era stato "salvato" dall'intervenuta sentenza della Caf.Nella sentenza il TAR, che si è detto competente in materia, finisce però con l'avvalorare la tesi del ricorso all'epoca presentato (oggi andato a sentenza) ed avrebbe dovuto impugnare, oltre che la decisione del Consiglio Direttivo di Lega, anche e soprattutto la sentenza della C.A.F. favorevole al Palermo, sentenza che poi di fatto escluse il Foggia dal diritto a disputare i playout. Errore imperdonabile, di cui oggi se ne pagano le conseguenze con l'atteso rigetto del ricorso a suo tempo presentato. La disputa non è però ancora chiusa. Infatti è pendente presso le Sezioni Unite di Cassazione il ricorso presentato dall'Avvocato De Michele (legale del Foggia Calcio) che, nel chiedere quale sia il Tribunale competente nelle cause d'appello avverso le iscrizioni ai campionati, nel caso in cui venisse confermata al TAR tale competenza, verrebbe ad annullarsi la sentenza d'Appello della CAF favorevole al Palermo, con conseguenze che potrebbero portare ad un forte indennizzo risarcitorio a vantaggio del vecchi proprietari del club rossonero.