Si accende di nuovo la contrapposizione tra i gruppi che avevano sostenuto Giulia Fresca candidata Sindaca di Manfredonia. Come già raccontato da l’Attacco, la coalizione non esiste più dall’esito del voto del 7 novembre scorso: l’onorevole Antonio Tasso e Massimiliano Ritucci da una parte con AgiAMO, Fresca e Italo Magno dall’altra con Manfredonia Nuova. Poco fa, una pesante nota di AgiAMO contro Fresca e Magno.

“L’ultimo atto di un copione che grida vendetta e che racconta del costante ed ingiustificato depauperamento dell’ospedale di Manfredonia: il direttore del dipartimento di Maternità e Infanzia ha disposto la sospensione delle attività chirurgiche ginecologiche del nosocomio, trasferendole a Cerignola e San Severo”, scrive il consigliere regionale di Forza Italia, Giandiego Gatta.

La prima settimana da Sindaco di Manfredonia dell’edile Gianni Rotice sta trascorrendo alle prese con un’attività visibile e un’altra celata. Da una parte c’è il lato pubblico, a cominciare dalla cerimonia di insediamento in aula consiliare tra lacrime e abbracci della famiglia, tra cui il fratello Michele (patron dell’altra impresa di famiglia, la Antonio Rotice srl). C’è stato anche il primo saluto alla tecnostruttura di Palazzo di città, accompagnato dalla segretaria generale Antonella Cambio.

Altri articoli...