Libera Foggia ricorda i fratelli Luciani

Libera Foggia ricorda i fratelli Luciani
Una mattina come le altre quella del 9 agosto 2017, sveglia all’alba per raggiungere i campi. Non lo sanno che sono le loro ultime ore, perché saranno testimoni consapevoli (si, consapevoli perché hanno tentato di fuggire all’orrore a cui hanno assistito) di un agguato in piena regola. Un commando di 4 o 5 uomini raggiunge l’auto in cui viaggia il boss Mario Romito e suo cognato, freddati da una pioggia di proiettili. Aurelio e Luigi capiscono il pericolo, forse riconoscono anche qualcuno e tentano la fuga. Vengono inseguiti e uccisi senza nessuna pietà.
"Da quel giorno si sono susseguite senza sosta inchieste giornalistiche, incontri istituzionali, interviste e manifestazioni. Soprattutto si sono concentrate, ancor di più, le forze di uno Stato che è consapevole che in provincia di Foggia si sta giocando una partita importantissima, molto delicata, a causa delle grandi ferite che la comunità locale ha subito negli anni e che ancora non si rimarginano.
Accanto a tutto questo si è attivato un percorso collettivo importante e consapevole: oggi a San Marco in Lamis esiste un presidio di Libera intitolato proprio ai fratelli Luciani che, con fatica ed impegno, prova a riprendersi il proprio territorio, contaminando anche il resto del Gargano, ancora protagonista di mutamenti e fragilità profonde.
Una ventata di speranza si è avuta ad ottobre del 2018 con l'arresto di due persone coinvolte nell'organizzazione della strage. Proprio per sorreggere quella speranza e per essere accanto alla famiglia Luciani, Libera ha deciso, per la prima volta in Puglia, di costituirsi parte civile al processo che ne è scaturito. È un segnale fortemente simbolico per continuare a sostenere la richiesta di attenzione che da tempo arriva da questa provincia, rimarcando ancora una volta che c'è bisogno di prendere posizioni chiare e nette, di fare luce su eventi così gravi."

Le notizie le trovate solo su l’Attacco

Perché ci lavorano giornalisti che fanno solo questo mestiere, 24 ore su 24. E hanno un solo padrone, i lettori e l’opinione pubblica. Siamo in un tempo che è la tempesta perfetta, sospesi tra le rovine del mondo di ieri e un futuro che si presenta a mani vuote. Chi legge, compra e si abbona a l’Attacco non ha perso speranze, sa che l’informazione è libertà e la democrazia non è un destino. E il nostro, inquieto, Sud è ciò che ci prendiamo ogni giorno per trasformare la storia di secoli.
Piero Paciello
''
icona web tv
oggi
ore 11.00
ore 14.00
ore 17.00
ore 20.00
ore 23.00
Politica

Svimez e Bankitalia denunciano gravi ritardi in Capitanata. Cavaliere. "Landella tenta di annac...

Domenica 8 Dicembre 2019
"Dopo il rapporto Svimez anche Bankitalia denuncia i gravi ritardi della Capitanata nel settore...
Svimez e Bankitalia denunciano gravi ritardi in Capitanata. Cavaliere.
Diritto allo studio, accolta la richiesta della Lega di incrementare il finanziamento per le scuole materne
“La difesa e la promozione della libertà di scelta educativa è una battaglia culturale e politica di straordinaria importanza. Una sfida che la Lega ha intrapreso a tutti i livelli, in particolare sul piano amministr...
Sabato 7 Dicembre 2019
Gargano Style, trionfa il kilometro zero
Comunità

Gargano Style, trionfa il kilometro zero...

Domenica 8 Dicembre 2019
le altre notizie
oggi
le notizie del giorno