Cala Molinella, il trabucco diventa un'opera d'arte: performance di musica, foto e sculture

Cala Molinella, il trabucco diventa un'opera d'arte: performance di musica, foto e sculture
Il trabucco garganico di Vieste, situato a Cala Molinella, è diventato il luogo dell’opera di “Arti in Libertà”. Una performance installativa ha trasformato il trabucco in un contenitore di musica, fotografia, opere pittoriche e sculture cambiando per una notte la sua usuale destinazione. Passato e maestoso segno di bellezza e strumento dell’ingegno dei pescatori, i trabuccolanti, che appunto utilizzavano la struttura per procurare i prodotti del mare dalla terraferma.

L’incontro, fortemente voluto dalla famiglia Silvestri, tra “Arti in Libertà”, giovane realtà di sperimentazione e produzione artistica barese, creata da Carlo Ferretti e Roberto Debellis, e il Villaggio Eco-sostenibile di Cala Molinella, è nato con l’obiettivo di dare voce e forma ad una delle massime espressioni dell’architettura adriatica, al fine di continuare il processo di cura e valorizzazione dei luoghi della cultura pugliese.

In tal senso il villaggio ha ospitato per una settimana la residenza artistica composta da sei artisti di fama locale e nazionale: Vito Lopraino – compositore musicale, Veronica Condello – pittrice, Davide Partipilo – scultore del legno,Giulia Laddago – fotografa, Bartolomeo Intranò – slam poet, Aurora De Santis – cantautrice. Il gruppo nei giorni di residenza ha sviluppato il tema della 3a puntata della stagione 2019 di Arti in Libertà “Qualcuno grida”, adattandolo all’insolita narrazione del trabucco garganico.

Gli artisti hanno avviato un percorso di de-strutturazione di due elementi all’apparenza molto lontani tra di loro: il “grido”, come modalità di comunicazione non articolata, così come le singolarità delle componenti della struttura garganica, alla ricerca di una composizione organica e completa: un linguaggio in grado di raccontare una storia.

Il risultato finale è stato il lascito di un’opera installativa semi-permanente composta da un percorso di quadri, sculture, foto, fino alla riproduzione in musica dei suoni del trabucco da un lato, e dell’interpretazione delle voci dei trabuccolanti che lo hanno vissuto nel tempo. Un lavoro di studio e ricerca di uno dei luoghi caratterizzanti del patrimonio pugliese.

L’obiettivo principale di questa collaborazione tra Cala Molinella ed Arti in Libertà è stato quello di riqualificare e sensibilizzare ulteriormente la zona non solo con le le canoniche attività di turismo esperienziale già avviate dall’Associazione dei Trabucchi storici del Gargano, ma introducendo anche una nuova tipologia di attività attraverso il processo artistico.

Le notizie le trovate solo su l’Attacco

Perché ci lavorano giornalisti che fanno solo questo mestiere, 24 ore su 24. E hanno un solo padrone, i lettori e l’opinione pubblica. Siamo in un tempo che è la tempesta perfetta, sospesi tra le rovine del mondo di ieri e un futuro che si presenta a mani vuote. Chi legge, compra e si abbona a l’Attacco non ha perso speranze, sa che l’informazione è libertà e la democrazia non è un destino. E il nostro, inquieto, Sud è ciò che ci prendiamo ogni giorno per trasformare la storia di secoli.
Piero Paciello
''
icona web tv
oggi
ore 11.00
ore 14.00
ore 17.00
ore 20.00
ore 23.00
Cronaca

Operazione "Neve di Marzo". Il doppio colpo alla criminalità organizzata ...

Mercoledì 23 Ottobre 2019
Operazione “Neve di Marzo”. La DDA di Bari e il Comando provinciale di Foggia fanno il bis. D...
Operazione
Pizzicato mentre nascondeva stupefacenti in un pacchetto di sigarette nel carcere di Foggia. Si chiede aiuto unità cinofile.
Continua l’encomiabile e incessante attività di contrasto,all’intromissione di sostanze stupefacenti e, di oggetti non consentiti da parte della polizia penitenziaria all’interno del carcere di Foggia. E’ di o...
Mercoledì 23 Ottobre 2019
le altre notizie
oggi
le notizie del giorno