Stava disseminando il terrore in stazione brandendo un grosso coltello. Arrestato pregiudicato bulgaro

Giovedì 12 Dicembre 2019
Stava disseminando il terrore in stazione brandendo un grosso coltello. Arrestato pregiudicato bulgaro
Un cittadino bulgaro di 22 anni, senza fissa dimora, è stato arrestato dalla Polizia Ferroviaria di Foggia per i reati di minacce aggravate dall’uso del coltello, danneggiamento, porto abusivo di armi e false generalità.

Alle ore 7.30 circa, in un orario in cui i pendolari affollano le Stazioni, la pattuglia della Polfer, in servizio di vigilanza scalo sul primo binario, è stata richiamata dal movimento convulso di un certo numero di viaggiatori, che, strattonandosi e rischiando di cadere, scappavano dal marciapiede.

Correndo in direzione opposta, i Poliziotti hanno udito anche delle urla provenire dall’atrio dove vi è la biglietteria, dove una volta giunti, facendosi spazio fra i presenti, hanno individuato un uomo corpulento, a petto nudo, che, urlando frasi sconnesse, prendeva a calci la porta scorrevole attraverso la quale si accede nell’atrio della Stazione.

L’uomo, con in mano un coltello di grosse dimensioni, minacciava tutti i viaggiatori che tentavano di entrare. Alla vista degli operatori, con mossa fulminea, l’individuo però è scappato all’interno del bar dello scalo ferroviario e ha lanciato il coltello in un contenitore dei rifiuti.

Con cautela, gli Agenti si sono avvicinati, cercando di non far scatenare il panico fra i numerosi avventori, riuscendo ad isolare l’individuo in un angolo del locale. L’uomo è stato, quindi, bloccato e condotto negli Uffici di Polizia. All’interno del suo zaino gli Operatori hanno rinvenuto un chiodo arrugginito della lunghezza di 15 cm, mentre la lama del coltello utilizzato per minacciare i viaggiatori recuperato dalla Polfer, risultava lunga 18 cm.

L’individuo, sprovvisto di documenti, ha fornito generalità false, ma è stato compiutamente identificato a seguito di approfonditi accertamenti. Lo straniero era già stato arrestato nel maggio scorso per furto aggravato e, nel successivo mese di giugno, per rapina e resistenza a Pubblico Ufficiale, reati per i quali era stato disposto l’obbligo di dimora nel Comune di San Severo.

Al termine degli adempimenti di rito il bulgaro è stato condotto nella Casa Circondariale di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Le notizie le trovate solo su l’Attacco

Perché ci lavorano giornalisti che fanno solo questo mestiere, 24 ore su 24. E hanno un solo padrone, i lettori e l’opinione pubblica. Siamo in un tempo che è la tempesta perfetta, sospesi tra le rovine del mondo di ieri e un futuro che si presenta a mani vuote. Chi legge, compra e si abbona a l’Attacco non ha perso speranze, sa che l’informazione è libertà e la democrazia non è un destino. E il nostro, inquieto, Sud è ciò che ci prendiamo ogni giorno per trasformare la storia di secoli.
Piero Paciello
''
icona web tv
oggi
ore 11.00
ore 14.00
ore 17.00
ore 20.00
ore 23.00
Cronaca

San Severo, incendiato il deposito Buttol, azienda incaricata della raccolta dei rifiuti...

Domenica 26 Gennaio 2020
Brusco risveglio per San Severo. Alle prime ore dell’alba di questa mattina, un vasto incendio si ...
San Severo, incendiato il deposito Buttol, azienda incaricata della raccolta dei rifiuti
San Severo, dal Comune le disposizoni sul conferimento della plastica a seguito dell'incendio
A seguito A seguito dell'incendio ai danni della Buttol, il Centro Conferimento Rifiuti in Contrada Schiavetta ed il relativo parco automezzi, il Comune di San Severo avvisa la cittadinanza di non conferire i rifiuti pre...
Domenica 26 Gennaio 2020
le altre notizie
oggi
le notizie del giorno