Rinnovo parco macchine Ataf, Fast Confsal: "Operazione ardita e ambientalmente insostenibile. Il Sindaco è carente anche di fantasia"

Sabato 31 Ottobre 2020
Rinnovo parco macchine Ataf, Fast Confsal:
La Segreteria Provinciale Fast Confsal interviene sulla querelle innescata dalla notizia sull’acquisto all’asta, di mezzi usati dismessi e a fin di vita, a cura di Ataf Spa partecipata del Comune di Foggia, che eroga il servizio di Trasporto Urbano nella città capoluogo della Capitanata.

“E’ un’operazione, per la vetustà dei mezzi, tecnicamente ardita e ambientalmente insostenibile, che non farà ridurre le emissioni atmosferiche di “polveri sottili “ e, forse, nemmeno l’inquinamento del sottosuolo derivante, in caso di pioggia, dalle perdite di olio motore e gasolio che imbrattano l’asfalto del Terminal “Vincenzo Russo– fanno sapere dalla FAST Confsal di Foggia – inoltre questo Sindaco, al secondo mandato, è evidentemente carente anche di fantasia. Scarica ancora la genesi dei problemi all’amministrazione precedente, cioè a sé stesso, visto che da più di sei anni non ci sono stati progressi, anzi, solo regressi come per la sosta tariffata sta a testimoniare ed incarichi che, registriamo, senza valore aggiunto per il servizio ai cittadini, per l’azienda e per i lavoratori.”
In realtà le risorse economiche destinate al rinnovo del parco automobilistico del TPL Urbano, hanno l’obiettivo di aumentare la mobilità sostenibile nelle aree urbane e sub urbane, attraverso la transizione energetica della mobilità pubblica verso forme di alimentazione a basso impatto ambientale (elettrico, metano e idrogeno), oltre che a migliorare il confort come ad esempio la climatizzazione e sistemi informativi per l’utenza e maggiore security per gli operatori d’esercizio attraverso la dotazione di una paratia di protezione del posto guida, per contrastare meglio le frequenti aggressioni agli operatori d’esercizio. Queste sono alcune delle finalità dei fondi, nazionali e da parte Unione Europea, ben conosciute dall’Associazioni datoriali e che dovrebbero essere di conoscenza da parte di chi gestisce Ataf Spa. Ed invece cosa accade?

“A Foggia invece accade che ci ritroviamo la demagogia utilizzata dal primo cittadino quando definisce la società Ataf Spa “il fiore all’occhiello dell’amministrazione….” - evidenzia il Segretario Provinciale Fast Confsal TPL di Foggia LORUSSO Oronzo – ciò fa emergere quanto sia lontana la politica comunale dalle necessità dei suoi concittadini, anche per un servizio essenziale erogato da questa gestione che viene da lui elogiata, anzi, arrivando quasi a canonizzare i funzionari ed il CdA di Ataf! Sarà perché al Comune è in atto una verifica politica? La realtà, cruda e nuda, è che l’Ataf Spa è “orfana” della indispensabile figura del Direttore Generale e che, purtroppo, gli scarsi risultati in quantità e qualità di servizi resi all’utenza.”

La struttura tecnica del Comune ed ATAF Spa avrebbero dovuto, per tempo, collaborare attraverso il Mobility Manager previsto per legge dal 1998 , con gli Enti e le aziende interessate, per gestire al meglio i flussi dei viaggiatori, soprattutto ora, in base alle diverse ed incalzanti esigenze per garantire il distanziamento sociale nel caso dell’emergenza Covid 19.

E invece niente. Così come nulla si sa del Bus Rapid Transport previsto nel PUMS approvato che, eliminando il Treno-Tram, doveva far fare a Foggia un salto avanti per la mobilità sostenibile…., ed invece arrivano “Nuovi Bus Usati Euro 2” dismessi da un territorio posizionato al 1^ posto per qualità della vita, pagati il triplo della base d’asta, con tutti i risvolti ambientali ed anche sanitari, visto gli studi per il particolato e le cd polveri fini e sottili che sappiamo, tanto qui ci sono utenti (cittadini, studenti, lavoratori, anziani) ed operatori d’esercizio di serie B.

Le notizie le trovate solo su l’Attacco

Perché ci lavorano giornalisti che fanno solo questo mestiere, 24 ore su 24. E hanno un solo padrone, i lettori e l’opinione pubblica. Siamo in un tempo che è la tempesta perfetta, sospesi tra le rovine del mondo di ieri e un futuro che si presenta a mani vuote. Chi legge, compra e si abbona a l’Attacco non ha perso speranze, sa che l’informazione è libertà e la democrazia non è un destino. E il nostro, inquieto, Sud è ciò che ci prendiamo ogni giorno per trasformare la storia di secoli.
Piero Paciello
''
icona web tv
oggi
ore 11.00
ore 14.00
ore 17.00
ore 20.00
ore 23.00
Cronaca

Il Covid non ferma i ladri, rubata una Panda dell'Usca. Miglio: "Siete degli omuncoli, restitui...

Martedì 1 Dicembre 2020
I ladri non si fermano nemmeno di fronte al Covid. Anzi, alcuni soggetti hanno preso di mira proprio...
Il Covid non ferma i ladri, rubata una Panda dell'Usca. Miglio:
Strage San Marco in Lamis, Emiliano:
"Il 9 agosto 2017 a San Marco in Lamis venivano uccisi Luigi e Aurelio Luciani: due fratelli agricoltori, due padri di famiglia, due onesti lavoratori, uccisi perché testimoni involontari di un’esecuzione mafiosa...
Martedì 1 Dicembre 2020
le altre notizie
oggi
le notizie del giorno