Foggia, chiamano dall'ospedale e avvisano che il parente è morto. Un'ora e mezza prima del funerale si appura che invece l'uomo è ancora vivo

Lunedì 23 Novembre 2020
Foggia, chiamano dall'ospedale e avvisano che il parente è morto. Un'ora e mezza prima del funerale si appura che invece l'uomo è ancora vivo
Sta diventando un caso nazionale quello che è successo alla famiglia di un uomo anziano ricoverato al Policlinico Riuniti di Foggia.

Tutto era pronto per la celebrazione del funerale e le pompe funebri stavano per andare a prendere la salma. Ma un’ora e mezza prima, arriva una controindicazione dall’ospedale Riuniti di Foggia: “Il vostro caro è ancora in vita”, ha detto una dottoressa alla famiglia, dopo che la notte prima ne aveva comunicato il decesso.

Questa è la storia incredibile successa alla famiglia del signor Fernando Cristiani, 86 anni, ricoverato in gravi condizioni a Foggia a causa del Covid-19. L’anziano era ospite della Rsa Fondazione Palena, dove a inizio novembre era scoppiato un focolaio: tutti i 70 ospiti più 28 tra gli operatori sanitari erano stati contagiati. Tra loro anche l’86enne il 6 novembre era risultato positivo ed era stato subito ricoverato al Riuniti a causa delle sue condizioni critiche.

I familiari da allora ricevono notizie sulla sua salute tramite una chat gestita dalla direttrice della struttura sanitaria. Ma nella notte tra il 18 e il 19 novembre, verso le 2:45, squilla il telefono: “Dall’altra parte della cornetta sento solo una musichetta, tipo segreteria telefonica, nessuno risponde. Poi riattaccano”, ha raccontato la nuora a Repubblica Bari. Ma la mattina dopo, sulla chat, tutti cominciano a farle le condoglianze. “A quel punto chiamo la direttrice della struttura che mi conferma del decesso, aggiungendo di aver ricevuto una chiamata alle 2:40 dal Pronto Soccorso in cui le comunicavano la morte di Fernando”, continua la signora.

La famiglia, allora, contatta le onoranze funebri e prepara tutto il necessario per celebrare il funerale. Anche i manifesti mortuari, che vengono subito appesi per tutto il paese. “Alle 15 le onoranze funebri si sarebbero recati al pronto soccorso con la bara. Ma poco prima riceviamo una ennesima telefonata”, racconta la nuora. Era l’ospedale, che chiamava per informare i parenti sulle condizioni di salute dell’anziano: che è grave, ma ancora vivo. Dopo lo choc iniziale, la famiglia ha presentato un esposto in Procura. “Vogliamo sapere chi è il colpevole di un gesto così meschino. Non è accettabile quello che abbiamo vissuto”, conclude la famiglia.

Le notizie le trovate solo su l’Attacco

Perché ci lavorano giornalisti che fanno solo questo mestiere, 24 ore su 24. E hanno un solo padrone, i lettori e l’opinione pubblica. Siamo in un tempo che è la tempesta perfetta, sospesi tra le rovine del mondo di ieri e un futuro che si presenta a mani vuote. Chi legge, compra e si abbona a l’Attacco non ha perso speranze, sa che l’informazione è libertà e la democrazia non è un destino. E il nostro, inquieto, Sud è ciò che ci prendiamo ogni giorno per trasformare la storia di secoli.
Piero Paciello
''
icona web tv
oggi
ore 11.00
ore 14.00
ore 17.00
ore 20.00
ore 23.00
Cronaca

Covid-19: registrati 1.789 casi positivi, 214 in provincia di Foggia...

Domenica 6 Dicembre 2020
Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore de...
Covid-19: registrati 1.789 casi positivi, 214 in provincia di Foggia
De Leonardis:
"In merito all'annuncio da parte del presidente Michele Emiliano di richiesta - indirizzata al ministro della Sanità Roberto Speranza - del ripristino per la provincia di Foggia della classificazione in Zona aranci...
Domenica 6 Dicembre 2020
le altre notizie
oggi
le notizie del giorno